rotate-mobile
Eventi

Ritorna il Pisa Book Festival con la speciale edizione del ventennale

Dal 29 settembre al 2 ottobre ritorna a Pisa la fiera nazionale dell’editoria indipendente

#PISABOOKFESTIVALRACCONTA, con questo contrassegno la fiera nazionale dell’editoria indipendente annuncia il suo ritorno alla fine dell’estate con la nuova Edizione del Ventennale, in programma da giovedì 29 settembre a domenica 2 ottobre in tre sedi di prestigio immerse nel verde e affacciate sui romantici Lungarni pisani: gli Arsenali Repubblicani, il Museo delle Navi Antiche di Pisa, il Museo di Palazzo Blu. Nato nel 2003 da un’idea dell’editrice Lucia Della Porta, il Pisa Book Festival è promosso e sostenuto da Fondazione Pisa, Comune di Pisa, Fondazione Palazzo Blu, Camera di Commercio, Acque Spa. Collaborano all’evento Museo di Palazzo Blu, Museo delle Navi Antiche di Pisa, Università di Pisa, CNA Editoria. Venti anni di libri, di grandi ospiti, di esordi portafortuna per autori poi consacrati da pubblico e premi letterari; venti anni di sfide e di trasformazioni; venti anni di promozione culturale, di amore per i libri e di grandi sforzi per offrire al pubblico toscano e italiano un appuntamento fisso con le piccole e medie case editrici indipendenti. Una narrativa estesa in venti anni e concentrata nell’hashatg #PISABOOKFESTIVALRACCONTA. 

L’edizione numero 20 del Pisa Book Festival, che ritorna nella nuova veste di evento diffuso inaugurata lo scorso anno, è stata presentata questa mattina, lunedì 30 maggio, in conferenza stampa da Lucia Della Porta, ideatrice e direttore artistico della rassegna, assieme ai rappresentanti delle istituzioni e dei partner che collaborano alla realizzazione: Michele Conti, sindaco di Pisa, Stefano Del Corso, presidente Fondazione Pisa, Cosimo Bracci Torsi, presidente Fondazione Palazzo Blu, Andrea Camilli, direttore Museo delle Navi Antiche di Pisa, Roberta Cella, docente di Linguistica Italiana dell’Università di Pisa, Marco Basteri, presidente CNA comunicazione. Tra giovedì 29 settembre e domenica 2 ottobre, il suggestivo spazio espositivo degli Arsenali Repubblicani, immerso nel verde della Cittadella e messo a disposizione dal Comune di Pisa, tornerà ad essere il cuore pulsante della fiera con gli stand di 90 editori espositori. Gli eventi del salone saranno invece ospitati nel Museo delle Antiche Navi e nel Museo di Palazzo Blu.

Il tema dell’edizione è come sempre il libro, raccontato dai suoi protagonisti, gli editori e i loro autori con il coinvolgimento di traduttori, editor, agenti letterari e librai. La programmazione spazia dall’incontro con l’autore al dibattito, dal laboratorio di scrittura al seminario, dalle master class alle letture pubbliche. Il  programma completo sarà online ai primi di settembre mentre il catalogo degli editori è già sul sito internet www.pisabookfestival.it. Accanto alla letteratura, quest’anno ci sarà una presenza molto ingombrante, l’attualità della guerra, che attraverso la voce di scrittori, giornalisti e storici ci parlerà dell’ Ucraina, la sua storia e la sua cultura. Molti saranno gli ospiti stranieri e tante le lingue che si parleranno al festival, in prevalenza dell’Europa dell’Est. La traduzione è sempre stato uno dei momenti forti del festival che viene arricchito adesso dai Pisa Book Translation Awards, i premi per la traduzione organizzati in collaborazione con l’Università di Pisa. Tra le novità del PBF 2022 - Edizione del Ventennale si segnala il debutto di un nuovo format, Art Book, dedicato all’arte e all’illustrazione, che nel Museo di Palazzo Blu troverà la sua sede naturale attraverso incontri con storici dell’arte, artisti ed editori.

Lucia Della Porta, fondatrice e direttore artistico del Pisa Book Festival, ha commentato: "Che si tratti di letteratura, di storia, di arte o di illustrazione, quando si parla di libri è sempre un invito al dialogo, al viaggio e alla conoscenza. Per tante ragioni il Pisa Book Festival - Edizione del Ventennale è molto diverso da quello che si è svolto in tutti questi anni al Palazzo dei Congressi; la nuova formula di boutique festival inaugurata un anno fa nella bellezza dei nuovi spazi, molto godibili e con tanto verde che gli editori e il pubblico hanno molto apprezzato, ci dà la certezza di poter confermare e ampliare lo straordinario successo del 2021. Cosa si troverà al Pisa Book Festival di quest’anno? Incontri con l’autore, conversazioni illustrate, letture per piccoli e grandi, passeggiate nella Pisa letteraria, viaggio nelle letterature straniere, laboratori di scrittura, lezioni di storia, tanta poesia, ma soprattutto ci saranno 90 piccoli editori indipendenti dietro lo stand, pronti a condividere con i lettori la passione per il libro". 

Michele Conti, sindaco di Pisa, ha aggiunto: "Negli anni, il Pisa Book Festival si è ritagliato un posto di rilievo nel calendario culturale della città oltre che un appuntamento importante tra gli eventi dedicati al libro e alla lettura a livello nazionale ed internazionale. E' diventata una manifestazione di grande attrattività, nel suo format tradizionale, richiamando in città migliaia di lettori e appassionati, curiosi di scovare le ultime novità esposte negli stand degli editori indipendenti. Il 2022 è l’anno della ventesima edizione, un traguardo che da solo ci racconta il successo si una manifestazione che ha saputo rinnovarsi nella continuità, una longevità ripagata dall’affetto dei pisani e dagli appassionati del settore che partecipano ogni anno con grande entusiasmo. Come Comune, crediamo molto nel valore della cultura come volano di crescita per la comunità; per questo lo sosteniamo pienamente, quest’anno mettendo a disposizione anche gli Arsenali Repubblicani, un luogo da sfruttare maggiormente perché si affaccia sul circuito dei Lungarni che rappresenta uno dei punti di forza della nostra città grazie a quel circuito museale rappresentato dal Museo delle Navi, a Palazzo Reale, al San Matteo, al Muse della Grafica e a Palazzo Blu. Il Pisa Book Festival è uno dei soggetti importanti più importanti di questo sistema, in cui si inserisce in forma di evento consolidato e appuntamento atteso, in questa versione inedita e diffusa che coinvolge maggiormente la città, cosa che, come amministrazione, riteniamo molto positiva. Mi auguro che, con questa formula, inaugurata lo scorso anno, riuscirà a incontrare tanti potenziali nuovi lettori, portare visitatori fra gli stand e sostenere la promozione dell’editoria indipendente, che riguarda anche realtà pisane, che si traduce in un sostegno al pluralismo e alle nuove idee e la promozione della cultura e della diffusione dei libri".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ritorna il Pisa Book Festival con la speciale edizione del ventennale

PisaToday è in caricamento