Fuori Teatro: al via la seconda parte del cartellone estivo di prosa e musica al Giardino Scotto

Il primo spettacolo è in programma martedì 4 settembre con 'Il Talento delle donne'

Riparte da martedì 4 settembre il programma 'Fuori Teatro', il cartellone di eventi culturali estivi al Giardino Scotto, voluto dal Comune di Pisa e organizzato dal Teatro Verdi che, dopo mese di agosto dedicato al cinema all’aperto, torna a proporre prosa e musica. La rassegna di settembre si propone come un nuovo appuntamento, a completamento del calendario estivo, con l’obiettivo di tenere viva l’attenzione sul mondo del teatro, nonostante le difficoltà legate alla situazione pandemica che ha penalizzato fortemente il settore. L’occasione è altresì utile per offrire al pubblico pisano spettacoli di intrattenimento diversificati e capaci di spaziare attraverso i vari ambiti artistici.

Tutti gli spettacoli inizieranno alle ore 21.00. Per ogni spettacolo saranno disponibili al massimo 200 posti. I biglietti, nominali e distanziati secondo le normative di distanziamento per l’emergenza Covid-19, non si potranno acquistare direttamente sul luogo ma andranno acquistati in prevendita nel circuito Vivaticket.com, fino all’orario di inizio degli spettacoli.

Il programma

4 settembre: 'Il talento delle donne' di Marco Masoni e Fabrizio Bartelloni. Il talento femminile nella musica italiana declinato in varie forme, dall'interprete alla cantautrice alla divulgatrice di tradizione all'innovatrice.

5 settembre: 'Avventure Di Teatro E Di Caffè' di e con Cristina Lazzari, Arianna Lorenzi, Francesco Marchetti. Storie aneddoti avventure di teatro e di caffè, storie chiare e storie scure, cose molli e cose dure. Così prende il via l’avventura di teatro e di caffè, che potrebbe essere definito un recital, ma non è proprio così. È uno strano ibrido tra un concerto, teatro-narrazione, e un'occasione di riflessione comune. I protagonisti sono le poesia, la musica, "le parole dette o ancor da dire". Dopo aver vissuto un evento che ci ha destabilizzato, ha scosso profondamente le fondamenta del nostro vivere comune, l’idea è stato quello di proporre un viaggio a tratti divertente e divertito, malinconico, stupito che prende a prestito le parole di grandi autori come, Szymbroska, Shakesperare ma anche Petrolini, Flaiano e molti altri, attraverso un'eco infinito che si rincorre nel tempo, fino ad arrivare a noi, alle nostre di parole.

8 settembre: 'Una Volta C'era Una Volta', con Silvia Lazzeri, Silvia Romani e Carlo Scorrano. Dal Piemonte alla Sicilia, dalla Toscana alla Puglia, da Roma a Venezia, da Milano a Napoli: in tutta la penisola, da bocca a bocca, da generazione a generazione, fiabe, favole e racconti. Con principi e principesse, briganti e signori, maghi e pastori, animali magici e nobili bizzarri e tanti altri ancora tra personaggi, oggetti magici e animali parlanti. Le fiabe della tradizione popolare sono state da sempre nostre compagne, per dormire, per crescere e per scoprire il mondo. Questo spettacolo vuole riportare alla luce alcune di queste storie tradizionali. Il filo conduttore è un dottore, il Dottor Pitré, buffo e convinto, pensa che le paure possano essere superate con le fiabe, tre paure faranno da leva a lui e ai suoi personaggi per guidarci con gioco e interazione dentro le storie tradizionali di tre regioni diverse. A seguire alle ore 22 'Immaginazione', con Marco Di Stefano e Tanya Khabarova.

9 settembre: 'Pisa Plays - Cubirossi, Candreva' con Cubirossi e Candreva. I Cubirossi sono una band pisana nata nel maggio del 2016, composta da Marina Giusti, cantante (19 anni), Gianluca Leoncini, chitarrista (21 anni) e Alessandro Leoncini, batterista (19 anni). La band, composta dai due fratelli Leoncini, instaura subito un feeling immediato, che li porta in poco tempo a calcare grandi palchi e a partecipare a vari ed importanti Contest. Nell’anno 2020 la band intraprende nuovi ed importanti cambiamenti, infatti la bassista, presente nel progetto dall’anno 2016, decide di abbandonare, e la band rinnova completamente il suo stile e la sua formazione. Attualmente stanno lavorando all’uscita del loro primo album di inediti. Il loro genere è caratterizzato da un armonioso mix di musica pop-rock/alternative rock e musica rlettronica. Candreva sono nati nel 2017 e sin dall’inizio svolgono una intensa attività live in giro per l’italia, tra cui il Lumiere di Pisa, la Limonaia di Fucecchio, il BEAT festival di Empoli e il Woodsound festival a Lago Sirino (PT).

10 settembre: 'Pisa Play-Janelas, Aliante' con Janelas e Aliante

11 settembre: 'Pisa Plays - Fangoraro, The Strange Flowers' con Fangoraro, The Strange Flowers. Fangoraro è un progetto musicale che nasce nel 2015 dall'incontro fra musicisti di varia provenienza (principalmente blues e rock) e Angelique, attrice di teatro. Il progetto vede come principale caratteristica la contaminazione reciproca dei due mondi artistici della musica e del teatro. Le atmosfere e le sonorità diventano maggiormente insinuanti nel momento in cui parti recitate, parlate o enfaticamente interpretate irrompono nella canzone. I testi, risultato della collaborazione fra Lorenzo Ughi (compositore e chitarrista) e Angelique, sono scritti in italiano, fatta eccezione per alcuni momenti in cui viene sperimentato l'uso di altre lingue, come l'inglese e il francese. The Strange Flowers sono un gruppo di pop e rock psichedelico costituito a Pisa nel 1987 da Michele Marinò (chitarra e voce), Giovanni Bruno (chitarra solista), Alessandro Pardini (basso), Maurizio Falciani (batteria). L'attuale line-up comprende, oltre a Marinò, Bruno e Pardini, Valerio Bartolini alla batteria.

12 settembre: 'I ragazzi magici di Pisa', serata dedicata alle giovani eccellenze artistiche delle scuole pisane.

13 settembre: 'Lo Zibardone Pisano', di Giancarlo Peluso con La Brigata Dei Dottori.

15 settembre: 'Caporali Coraggiosi (Duo Tour)'. Dopo il grande successo di Marenia 2019 , i Caporali Coraggiosi tornano a Pisa per chiudere la Stagione del Teatro Verdi di Pisa nella bellissima cornice del Giardino Scotto. Causa delle restrizioni Covid, lo spettacolo si chiamerà Duo Tour e vedrà sul palco i due solisti Marco Forconi e Valerio Simonelli accompagnati dalla vocalist Valentina Caturelli, già vista a TheVoice su RAI1 e Tali e Quali su RAI2 , cantando un brano di Alexia, che ha poi incontrato in diretta TV e la vocalist Samantha Montorzi. 

16 settembre: 'Conversazioni tra amiche', di Cristina Sarti. In questo spettacolo 12 dive, 12 donne, 12 muse, un fascio di dodici rose rosse che hanno lasciato un segno indelebile nel panorama artistico nazionale e internazionale. Queste donne di indiscutibile fascino si raccontano in tutta la loro umanità, non solo come personaggi pubblici visti attraverso l’occhio del coinvolgimento mediatico, ma in tutte le loro sfaccettature femminili, attraverso le loro fragilità, le passioni travolgenti, contraddizioni, i loro amori sbagliati e il romanticismo che le ha attraversate. Il coraggio, lo sconfinato amore per i figli, tutte le loro incertezze e insicurezze e la loro ostinata e folle sete di vita e di amore, sempre con il grande fascino che le ha contraddistinte e ha reso di loro delle intramontabili stelle. Cristina Sarti, attrice, regista e autrice di questo spettacolo sarà l’interprete di queste affascinanti figure femminili, accompagnata alla chitarra dalle note delicate e raffinate della voce e le corde del maestro Meme Lucarelli, che interpreterà le musiche più appassionanti del repertorio italiano e non, trasportando lo spettatore nel tessuto di vita del contesto storico e dell’anima delle nostre protagoniste. Intrecciandosi tra loro la parola recitata e la musica si alternano e si fondono in un dialogo a due voci per ripercorrere la strada dell’animo di queste donne che respirano arte e vita quotidiana in una sinergia reciproca, srotolando tutti i loro colori lungo una tormentata “vien en rose” che le ha consacrate come muse irraggiungibili in ogni tempo.

17 settembre: 'Viandanti All'Inferno', di Paolo Cioni con PesoPiuma.

18 settembre: 'La signorina Else', con Martina Benedetti. La vicenda della giovane donna, ospite della zia nel Grand Hotel di San Martino di Castrozza, che per salvare il padre dalla rovina economica deve mostrarsi nuda a un vecchio conoscente, è quanto mai sintomatica della lotta della dignità umana contro il potere del denaro. Else è una giovane viennese di buona famiglia borghese; il padre ha il vizio del gioco e rischia spesso l’arresto. Il laido signor von Dorsday, amico del padre di Else, accetta di salvarlo dai debiti e di spedire il denaro a condizione che Else gli si mostri totalmente nuda. Attraverso il monologo interiore della ragazza - messa di fronte alla necessità di prostituirsi per salvare suo padre dal suicidio e la sua famiglia dallo scandalo e la bancarotta - Schnitzler critica impietosamente la società viennese dell’epoca: la famiglia, la condizione femminile, la frivolezza e la superficialità della borghesia viennese.

19 settembre: 'Marco Martinelli. Un Viaggio tra scienza e musica'.

20 settembre: 'Disfida in Vernacolo (Pisa - Livorno)'. Una nuova, decisiva e appassionante disfida in vernacolo tra Pisa e Livorno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto dal 16 gennaio: prosegue lo stop agli spostamenti tra regioni

  • Coronavirus in Toscana: 379 nuovi casi positivi

  • Bonus mobili 2021, come ottenere le detrazioni: i requisiti

  • Toscana zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 16 gennaio

  • Coronavirus, le palestre GimFive in protesta: anche a Pontedera struttura aperta il 15 gennaio

  • Pisa S.C., vicina la svolta: il magnate russo Knaster vuole acquistare il club

Torna su
PisaToday è in caricamento