Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sapori e profumi del Vecchio Continente: al via il Mercato Europeo

Bandiere multicolori, banchi caratteristici, ma soprattutto sapori e profumi del Vecchio Continente, e non solo. È lo scenario che si può ammirare in piazza Vittorio Emanuele con l'apertura del Mercato Europeo, iniziativa che torna in città dopo il successo degli anni scorsi organizzata da Confesercenti Toscana Nord e Anva nazionale, con il patrocinio di Comune e Provincia, nella tradizionale data di metà aprile. Sono 34 i banchi in rappresentanza di 15 nazioni del Vecchio Continente, più tre extraeuropee, che resteranno aperti fino a lunedì sera per offrire prodotti artigianali e gastronomici venduti da operatori e strutture direttamente provenienti dai Paesi di origine.

 Oggi venerdì 14 l'apertura al pubblico con il tradizionale taglio del nastro alla presenza dell'assessore Andrea Ferrante e dei dirigenti Confsercenti e Anva. Ideato nel 1990, la prima edizione si svolse a Strasburgo, il Mercato Europeo in passato è stato ospitato, tra le altre città europee, a Liverpool, Barcellona, Manchester, Heidelberg, Budapest e Monaco; in Toscana a Firenze, Massa, Viareggio e Pontedera. "Siamo convinti che iniziative come questa - ha detto Simone Romoli, responsabile area pisana di Confesercenti presente all’inaugurazione insieme al direttore Toscana Nord Marco Sbrana ed al dirigente nazionale Anva Adriano Ciolli - sono la testimonianza di come gli ambulanti ed i commercianti a posto fisso abbiano solo da guadagnare reciprocamente. Ovviamente se parliamo di eventi di livello e di richiamo come questo mercato".

Questi i paesi europei partecipanti oltre ovviamente all'Italia: Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Olanda, Polonia, Danimarca, Ungheria, Grecia, Repubblica Ceca, Irlanda. A loro si aggiungono Messico, con prodotti di gastronomia, Siria con artigianato locale e prodotti realizzati con legno di olivo della Palestina e Guatemala con artigianato tipico. L’Italia è rappresentata, tra gli altri, con stand di dolcetti siciliani, liquirizia artigianale, prodotti pugliesi, della Valle d’Aosta e la nostra trippa. Il Mercato Europeo rimane aperto fino a Pasquetta dalle 10 alle 22.

Si parla di

Video popolari

Sapori e profumi del Vecchio Continente: al via il Mercato Europeo

PisaToday è in caricamento