energia Pomarance

L'Ordine dei Geologi della Toscana in visita alla centrale geotermica di Larderello

Il presidente toscano Riccardo Martelli ha annunciato un "maggiore impegno da parte dei Geologi nello sviluppo di energie alternative nei prossimi anni"

La geotermia continua a richiamare autorevoli personalità ed enti del mondo scientifico e della formazione: una rappresentanza dell’Ordine dei Geologi della Toscana ha visitato Larderello, capitale mondiale della geotermia, e le limitrofe aree geotermiche cosiddette tradizionali per l’antichità del sapere geotermico, nato e sviluppato in queste zone fin dai tempi degli Etruschi e dei Romani con gli usi termali, il successivo avvio dell’industria chimica nel corso dell’800 e la scoperta della produzione elettrica fino all’attuale sviluppo sostenibile di questa fonte rinnovabile.

"I prossimi anni vedranno un maggiore impegno da parte dei Geologi nello sviluppo di energie alternative - spiega Riccardo Martelli presidente dell’Ordine dei Geologi della Toscana - per questo il nostro Ordine lo scorso anno ha attivato un percorso formativo ad hoc per aggiornare i nostri iscritti e renderli ancor più preparati per un mercato che solo in Toscana assorbirà decine di profili altamente formati".

"Ringraziamo Enel Gren Power per la disponibilità, l'accoglienza e per averci guidato alla scoperta della storia dell’utilizzo della geotermia nel comprensorio di Larderello - aggiunge Elisa Livi, presidente della Fondazione dei Geologi della Toscana - auspichiamo per il futuro nuove occasioni di confronto con i geologi toscani, per approfondire la conoscenza del ruolo della modellazione geologica e le opportunità lavorative in questo settore".

Il gruppo, accolto dal geologo Enel Green Power Geoffrey Giudetti, responsabile Geothermal resource evaluation del Centro di eccellenza Geo EGP, e da Giorgio Simoni componente del Supporto tecnico Enel Green Power, ha potuto approfondire la storia di questa risorsa rinnovabile presso il Museo della Geotermia, per poi spostarsi al pozzo dimostrativo, successivamente presso la centrale geotermica di Valle Secolo, la più grande d’Europa con una potenza installata di 120 MW, e tappa finale nelle 'isole' di manifestazioni naturali con visita annessa a 'Vapori di Birra', primo ed unico birrificio artigianale geotermico al mondo.

In Toscana Enel Green Power gestisce il più antico e allo stesso tempo innovativo complesso geotermico del mondo, che conta 34 centrali, per un totale di 37 gruppi di produzione, dislocate tra le province di Pisa, Grosseto e Siena. La geotermia, con i suoi 916 MW di potenza installata ed una produzione annua di quasi 6 miliardi di KWh, oltre a soddisfare il 34% del fabbisogno elettrico regionale e a rappresentare più del 70% della produzione toscana da fonte rinnovabile, fornisce calore utile a riscaldare circa 13mila utenti, 26 ettari di serre, aziende agricole ed artigianali, alimentando anche un’importante filiera del turismo sostenibile con 60mila visite annue tra poli museali, impianti e manifestazioni naturali nelle aree geotermiche.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Ordine dei Geologi della Toscana in visita alla centrale geotermica di Larderello
PisaToday è in caricamento