mobilità

Servizi e mobilità green: mezzi ecologici per le consegne nei centri urbani

E' la prospettiva contenuta nell'accordo fra Legautonomie e Fedit per avviare la sperimentazione di una nuova modalità di consegna delle merci. Pisa sarà fra le prime città d'Italia a farlo

Legautonomie, l’associazione cui aderiscono regioni, province, comuni, e la Fedit, la federazione che associa principali corrieri italiani e stranieri, hanno siglato un'intesa per facilitare al massimo le consegne nei centri urbani, il cosidetto 'ultimo miglio', in seguito all'esplosione del commercio via internet che ha comportato un aumento dei volumi di consegne fino a poco tempo fa impensabile.

L'intesa raggiunta fra i corrieri e Legautonomie fa seguito all'esperimento che ha già prodotto significativi risultati a Torino basato sulla premialità: il comune si è impegnato a consentire le consegne senza limiti di orario e senza tariffe, in cambio dell'adozione di mezzi non inquinanti da parte delle imprese. "L'accordo con la Fedit - afferma il presidente di Legautonomie e sindaco di Pisa Filippeschi - pone le basi per una collaborazione tra Enti locali e imprese di autotrasporto che punti a promuovere azioni fondate sulle best practices, nelle linee di intervento della Commissione europea, e che siano all'avanguardia della sostenibilità economica, sociale e ambientale affinché i centri urbani siano allo stesso tempo smart e green".

"L'e-commerce - prosegue il primo cittadino - ha rivoluzionato il rapporto fra amministrazioni locali, cittadini e imprese mettendo sul tappeto problemi importanti come lo sviluppo nei centri urbani, la sostenibilità ambientale ed i cittadini, per questo abbiamo deciso di dialogare con le imprese di trasporto seguendo una nuova filosofia. La logistica delle merci è un tema di rilievo. La nostra città sarà una delle prime in Italia coinvolte nella sperimentazione".

"Legautonomie ha colto il vero punto in questione - ha precisato la Presidente della Fedit Stefania Pezzetti - nei centri urbani viene prodotto il 75% del Pil nazionale, e l'aumento esponenziale dell'e-commerce non fa che complicare la già difficile situazione della consegna delle merci nelle città, tuttora gravata da orari limitanti e tariffe penalizzanti. Nostro compito quindi è sostenere lo sviluppo, garantire un ambiente migliore cooperare con le amministrazioni".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Servizi e mobilità green: mezzi ecologici per le consegne nei centri urbani

PisaToday è in caricamento