Assegno di cura per anziani: chi ne ha diritto

Questo tipo di servizio si rivolge a tutti i cittadini non autosufficienti che abbiano compiuto 65 anni

L'assegno di cura è un sostegno economico a favore delle famiglie che assistono in casa propria un anziano non autosufficiente. E' concesso in alternativa all'inserimento stabile in strutture residenziali.

Chi può usufruire del servizio

Per poter usufruire del servizio è necessario che le famiglie che mantengono l'anziano, certificato non autosufficiente, nel proprio ambiente garantisano a quest'ultimo direttamente o avvalendosi dell'intervento di persone non appartenenti al nucleo familiare, prestazioni socio-assistenziali di rilievo sanitario. Ciò può avvenire anche in caso le persone che si prendono cura dell'individuo non abbiamo rapporti familiari ma intrattengano consolidati e verificabili rapporti di 'cura'. L'assegno di cura può essere concesso anche ad anziani anagraficamente conviventi.

Requisiti per l’assegno di cura

Ogni Regione ha la piena autonomia nei criteri di assegnazione. Tendenzialmente, però, i requisiti per l’assegno di cura sono i seguenti:

  • reddito Isee inferiore a un importo stabilito;
  • certificato medico che dichiari la non autosufficienza;
  • disabilità fisica o demenza;
  • presenza o meno di collaboratori domestici e badanti;

Come fare la domanda

Per presentare la domanda dell’assegno di cura, bisognerà vedere i bandi pubblicati da Comune o Regione, in cui saranno indicate le scadenze, i documenti da allegare e tutti i passaggi da seguire. A questo punto il Comune analizzerà tutte le richieste ricevute e stilerà una graduatoria: tutte le persone inserite in graduatoria avranno diritto all’aiuto fino ad esaurimento fondi disponibili.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il servizio a Pisa

Duecento euro al mese per gli ultra65enni invalidi al 100% o portatori di handicap ai sensi della legge 104/92 (“minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale e di emarginazione”) residenti nel Comune di Pisa. Da venerdi 5 giugno, si è potuto cominciare a presentare le domande per accedere al 'Bonus Anziani 2020', la misura di sostegno decisa dall’amministrazione comunale del capoluogo, che ha previsto un finanziamento ad hoc di 420mila euro, gestita dalla Società della Salute della Zona Pisana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus e sovraffollamento, nuova ordinanza: positivi inviati in albergo

  • Spiagge di ghiaia a Marina, alga tossica 6 volte oltre i limiti: "Fate attenzione"

  • Scuola, nuovo incontro per la ripartenza: si va verso il prolungamento della didattica a distanza

  • Coronavirus in Toscana, 9 casi in più e zero decessi nelle ultime 24 ore

  • Coronavirus in Toscana, 9 casi in più: a Pisa giornata da zero nuovi contagi

  • Coronavirus in Toscana: 19 nuovi casi, ultimo paziente in terapia intensiva

Torna su
PisaToday è in caricamento