Curtatone e Montanara: quando gli studenti pisani combatterono per l'indipendenza italiana

Il 29 maggio 1848 un battaglione di studenti e docenti dell'Università di Pisa presero parte alla prima guerra per l'indipendenza dell'Italia dal dominio straniero

171 anni fa il Battaglione Universitario, partito da Pisa, prese parte alla battaglia di Curtatone e Montanara, scrivendo una delle pagine più belle del contributo pisano all'indipendenza e unità del paese. Un momento storico che è entrato nella tradizione dell'ateneo cittadino, marchiato a fuoco da questo gesto di patriottismo nell'identità e nell'eredità consegnata ai posteri.

La prima guerra d'indipendenza

Il conflitto venne combattuto dal Regno di Sardegna, supportato da moltissimi volontari provenienti da tutto lo stivale, contro l'Impero Austriaco dal 23 marzo 1848 al 22 agosto 1849. Questa guerra fu accompagnata e in alcuni preceduta da altri sommovimenti rivoluzionari e popolari sparsi lungo la penisola: dalle 'Cinque giornate di Milano' alla rivolta dei siciliani contro i Borbone. Nel Nord Italia il re di Sardegna Carlo Alberto di Savoia lanciò due campagne militari contro il nemico austriaco e in entrambe fu sconfitto, perdendo la guerra. Gli episodi determinanti della prima e seconda campagna furono la battaglia di Custoza e la battaglia di Novara.

Potrebbe interessarti

  • Le curiosità dei nostri amici pelosi: 5 cose che non tutti sanno sui gatti

  • Falsi amici a tavola: 7 alimenti che non fanno dimagrire

  • Ragnetti rossi: cosa sono e come proteggere la casa dalla loro presenza

  • Come far risaltare l'abbronzatura a fine estate: 4 semplici consigli

I più letti della settimana

  • Tirrenia, malore mentre è in mare: muore 81enne

  • Si sente male sul patino a Marina di Vecchiano: muore 49enne

  • Cascina: il corpo di un 64enne ritrovato dietro la chiesa dell'Arnaccio

  • Rischia la paralisi dopo un tuffo: 16enne ricoverato a Cisanello

  • Santa Maria a Monte, con la bici contro un'auto: morto

  • Via Sesia: fiamme in un appartamento

Torna su
PisaToday è in caricamento