IMU: cos'è e quando pagarla a Pisa

Ecco una guida utile per capire tutto riguardo all'IMU

Il tributo per i servizi indivisibili, detto anche Tasi, insieme con l'Imu e la tassa sui rifiuti (Tari), è stato una delle tre componenti dell'Imposta unica comunale. Il suo pagamento serve a finanziare i costi della manutenzione del verde pubblico e delle strade comunali, l'arredo urbano, l'illuminazione pubblica e l'attività svolta dalla Polizia locale. La Tasi è una tassa che si applica ai proprietari e/o detentori dei fabbricati rientranti nelle seguenti categorie:

  • abitazioni principali ed assimilate di categoria catastale A/1, A/8 e A/9 e relative pertinenze (soggette anche ad IMU);
  • immobili di categoria catastale C/1 e C/3 in cui coincide proprietario ed esercente attività commerciale/artigianale (soggetti anche ad IMU);
  • immobili di categoria catastale D diversi dai fabbricati rurali ( ad esclusione degli immobili D/5) in cui coincide proprietario ed esercente; attività commerciale/industriale (soggetti anche ad IMU);
  • Immobili cosiddetti merce, cioè quei fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita e non siano locati;
  • fabbricati rurali strumentali.

L'Imu

L’imposta unica comunale (IUC), istituita a decorrere dal 1° gennaio 2014, era composta dall'Imposta municipale propria (Imu) - dalla Tassa sui rifiuti (Tari) e dal Tributo per i servizi indivisibili (Tasi). Con la legge 27/12/2019 n.160 (Legge di bilancio 2020), a decorrere dal 1° gennaio 2020 la IUC è stata abolita, mantenendo l'Imu e la Tari, disciplinando la “nuova” Imu e abolendo la Tasi.

L'Imu che i contribuenti sono tenuti a versare a decorrere dall'anno 2020 è disciplinata ai commi da 739 a 783 dell'art.1 della legge 27 dicembre 2019 n.160.

In poche parole, dal 2020 la Tasi è accorpata all’Imu e contribuisce a modificarne le aliquote in base alle delibere comunali. L’attuale tassazione sugli immobili prevede il pagamento di un’imposta sulla prima casa solo sulle abitazioni principali di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9). Le prime case (categoria da A2 ad A7) e relative pertinenze, una per categoria (C2,C6,C7) sono esenti.

Le aliquote a Pisa nel 2020

Il versamento della IMU 2020 è previsto in due rate scadenti nei giorni:

- 16/06/2020 (acconto)

- 16/12/2020 (saldo)

In conseguenza dell’abolizione della TASI, dal 1 gennaio 2020, la prima rata IMU (acconto) da corrispondere è pari alla metà di quanto versato a titolo di IMU e TASI per l’anno 2019. Come per gli anni precedenti il versamento è eseguito attraverso il modello F24 (in modalità cartacea o digitale) mediante gli istituti bancari o sportelli postali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sepi mette a disposizione uno strumento digitale per il calcolo dell'IMU.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali a Cascina: è ballottaggio tra Betti e Cosentini

  • Schianto nella notte a San Piero a Grado: muore 26enne

  • Elezioni regionali Toscana 2020, le proiezioni: Giani in vantaggio

  • Elezioni Regionali, Ceccardi sconfitta anche nella sua Cascina

  • Incidente stradale davanti allo stadio a Pontedera: muore 30enne

  • Covid a scuola: due classi di licei pisani in quarantena

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento