Sabato, 18 Settembre 2021
Meteo

Meteo, caldo e afa per tutta la settimana: le città da bollino rosso

Città bollenti tra mercoledì e giovedì ma il caldo non ci abbandonerà: temperature in salita e afa per tutta la settimana, anche di notte. Ecco le città più a rischio

Sono otto le città da bollino rosso in questo primo giorno di agosto torrido. Allerta per il gran caldo e l'afa a Bolzano, Bologna, Campobasso, Firenze, Genova, Perugia, Pescara e Rieti. Domani la situazione peggiorerà: oltre queste otto città 'bollenti', bollino rosso anche a Brescia, Frosinone, Latina, Milano, Roma, Torino, Trieste, Venezia, Verona e Viterbo. 

Secondo gli esperti, l'Italia boccheggerà almeno per tutta la settimana, anche di notte. Il grande caldo spinge i consumi di elettricità: alle 14 di martedì infatti si è toccato il record di quest'anno con 56.400 MW. E' quanto si evince dai grafici di Terna. Il dato supera il precedente primato di 54.700 MW toccato il 28 febbraio in concomitanza con il grande gelo e la neve che cadde anche a Roma, ma resta ben al di sotto del picco storico di 60.500 MW raggiunto il 22 luglio del 2015. I margini di riserva di Terna, comunque, garantiscono la sicurezza della rete.

E la pioggia? Secondo Meteo.it, sono previste poche precipitazioni, quasi esclusivamente sull'arco alpino e inoltre su Basilicata e Calabria. Venerdì su Lazio, Abruzzo, Molise e al Sud sono previsti temporali intensi, anche con rischio di grandine. 

Caldo e afa: Italia da bollino rosso

Cosa significa il bollino rosso? Cosa bisogna fare in caso di elevate temperature? Il Ministero della Salute prevede quattro livelli di allerta, dal livello 0 al livello 4. Ecco cosa significano e quali precauzioni prendere. 

Livello 1 - Pre-allerta

Indica che le condizioni meteorologiche possono precedere il verificarsi di un'ondata di calore. Questo livello non richiede azioni immediate, ma indica che nei giorni successivi è probabile che possano verificarsi condizioni a rischio per la salute.

Come prepararsi:

  • Consultare ogni giorno il Bollettino locale ed informarsi sui servizi di assistenza messi a disposizione nel territorio

  • Programmare i viaggi informandosi sulle previsioni del rischio ondate di calore nel luogo di destinazione

  • Pianificare le scorte di acqua, cibo e medicinali

  • Identificare la stanza più fresca della casa dove trascorrere le ore più calde della giornata

  • Informarsi sulla presenza nel quartiere di locali pubblici climatizzati (es. centro anziani) dove poter trascorrere alcune ore della giornata 

  • Prendersi cura di parenti o vicini di casa anziani che vivono soli e segnalare ai servizi socio-sanitari eventuali situazioni che necessitano di un intervento

Livello 2 e livello 3: massima allerta

Per il livello 2 sono previste temperature elevate e condizioni meteorologiche che possono avere effetti negativi sulla salute della popolazione, in particolare nei sottogruppi di popolazione suscettibili. Il livello 3 indica invece condizioni di emergenza (ondata di calore) con possibili effetti negativi sulla salute di persone sane e attive e non solo sui sottogruppi a rischio come gli anziani, i bambini molto piccoli e le persone affette da malattie croniche. Tanto più prolungata è l’ondata di calore, tanto maggiori sono gli effetti negativi attesi sulla salute.

Come prepararsi ad affrontare il gran caldo:

  • Consultare ogni giorno il Bollettino locale

  • Evitare l’esposizione diretta al sole nelle ore più calde della giornata (tra le 11.00 e le 18.00)

  • Evitare le zone particolarmente trafficate, ma anche i parchi e le aree verdi, dove si registrano alti valori di ozono, in particolare per i bambini molti piccoli, gli anziani, le persone con asma e altre malattie respiratorie, le persone non autosufficienti o convalescenti

  • Evitare l’attività fisica intensa all’aria aperta durante gli orari più caldi della giornata

  • Trascorrere le ore più calde della giornata nella stanza più fresca della casa, bagnandosi spesso con acqua fresca

  • Utilizzare correttamente il condizionatore

  • Trascorrere alcune ore in un luogo pubblico climatizzato, in particolare nelle ore più calde della giornata

  • Indossare indumenti chiari, leggeri in fibre naturali (es. cotone, lino), ripararsi la testa con un cappello leggero di colore chiaro e usare occhiali da sole.

  • Proteggere la pelle dalle scottature con creme solari ad alto fattore protettivo

  • Bere liquidi, moderando l’assunzione di bevande gassate o zuccherate, tè e caffè. Evitare, inoltre, bevande troppo fredde e bevande alcoliche

  • Seguire un'alimentazione leggera, preferendo la pasta e il pesce alla carne, evitando i cibi elaborati e piccanti; consumare molta verdura e frutta fresca. Fare attenzione alla corretta conservazione degli alimenti deperibili (es. latticini, carne,) in quanto elevate temperature possono favorire la proliferazione di germi patogeni causa di patologie gastroenteriche

  • In caso di assunzione di farmaci, non sospendere autonomamente terapie in corso ma consultare il tuo medico curante per eventuali adeguamenti della terapia farmacologica

  • Fare attenzione alla corretta conservazione dei farmaci, tenendoli lontano da fonti di calore e da irradiazione solare diretta e riponi in frigorifero quelli che prevedono una temperatura di conservazione non superiore ai 25-30°C

  • Se l’auto non è climatizzata evitare di metterti in viaggio nelle ore più calde della giornata (ore 11.00-18.00). Non dimenticare di portare sufficienti scorte di acqua in caso di code o file impreviste

  • Non lasciare persone non autosufficienti, bambini e anziani, anche se per poco tempo, nella macchina parcheggiata al sole

  • Assicurarsi che le persone malate e/o costrette a letto, non siano troppo coperte

  • Offrire assistenza a persone a maggiore rischio (ad esempio anziani che vivono da soli) e segnalare ai servizi socio-sanitari eventuali situazioni che necessitano di un intervento. Nelle persone anziane un campanello di allarme è la riduzione di alcune attività quotidiane (spostarsi in casa, vestirsi, mangiare, andare regolarmente in bagno, lavarsi) che può indicare un peggioramento dello stato di salute.

  • In presenza di sintomi dei disturbi legati al caldo contattare un medico

bollettino caldo-2

Al numero di pubblica utilità '1500' i cittadini potranno ricevere consigli su come affrontare il caldo e informazioni utili sui servizi socio-sanitari presenti sul territorio nazionale.

Tramite il sito web www.salute.gov.it/caldo e l’App 'Caldo e salute' (scaricabile gratuitamente su dispositivi mobili iOS e Android, da Apple store e Play store) sono resi fruibili i bollettini giornalieri delle previsioni e i livelli di rischio,  consigli per la popolazione, linee guida per gli operatori dei servizi sanitari e sociali e una mappa interattiva con i servizi e numeri utili attivi sul territorio. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Meteo, caldo e afa per tutta la settimana: le città da bollino rosso

PisaToday è in caricamento