Buon compleanno alla cintura di sicurezza: 60 anni e migliaia di vite salvate

L'invenzione della cintura di sicurezza a 3 punti è frutto della mente dell'ingegnere della Volvo Nils Bohlin, il quale la brevettò nel 1959 senza vincoli in supporto alla sicurezza pubblica

Nel 1959, l'ingegnere Volvo Nils Bohlin sviluppò la moderna cintura di sicurezza a tre punti. Sebbene il progetto venne brevettato, la società decise che il brevetto doveva essere lasciato aperto, rendendolo disponibile gratuitamente a tutti i produttori di veicoli.

Questa decisione piuttosto non convenzionale fu presa nel maggiore interesse della sicurezza pubblica, per garantire che tutti, indipendentemente dal fatto che guidassero o meno un veicolo Volvo, potessero essere più sicuri nel traffico. Questa decisione si è rivelata molto vantaggiosa per il mondo.

"Non esiste un sistema di sicurezza che si avvicini nemmeno alla cintura di sicurezza in termini di risparmio di vite umane, e la cintura di sicurezza a tre punti ha protetto più persone in incidenti stradali rispetto a qualsiasi altro dispositivo di sicurezza", afferma Anna Wrige Berling, Traffic and Product Safety Director di Volvo Trucks.

Un'innovazione salva-vita, ma non sempre utilizzata

In molte parti del mondo l'uso della cintura di sicurezza tra gli occupanti di camion pesanti è ancora lontano dal 100%, sfortunatamente. "Il rapporto sulla sicurezza di Volvo Trucks per il 2017 ha mostrato che la metà di tutti gli autisti rimasti vittima in incidenti stradali sarebbe sopravvissuta se avessero indossato la cintura di sicurezza", spiega Anna Wrige Berling.

Quindi quali sono le ragioni per cui non viene utilizzata? Alcuni autisti di camion credono erroneamente che non vi è alcuna necessità di una cintura in un camion, a causa delle dimensioni del veicolo. "I fatti sono chiari: l'uso della cintura è molto importante anche nei camion. Ad esempio, in caso di incidenti di ribaltamento, la cintura può aiutare a proteggere il conducente dall'essere incastrato tra il camion e il terreno ", continua Anna Wrige Berling.

La visione Zero Incidenti

Volvo Trucks ha una visione di zero incidenti e crede che costruttori, autorità del traffico, pianificatori di infrastrutture, altri esperti e conducenti di tutto il mondo debbano collaborare per ottenere strade più sicure. "Condividiamo ampiamente i nostri risultati sulla sicurezza del traffico e abbiamo offerto le nostre conoscenze e competenze alle università, ai laboratori di ricerca e alle organizzazioni partner. Ogni volta che viene discussa la sicurezza del traffico, vogliamo partecipare. Questo ci aiuta a imparare ancora di più sui problemi, le soluzioni potenziali e su come progettare i camion del futuro ", conclude Anna Wrige Berling.

Anna Wrige Berling ha una conoscenza approfondita dei problemi di sicurezza del traffico. Ha una vasta esperienza nel lavorare con problemi di sicurezza sia attiva che passiva all'interno del Gruppo Volvo negli ambiti di sviluppo di prodotti, di ingegneria avanzata e di organizzazione di ricerca. Nel periodo 2008-2013, Anna ha guidato il team di ricerca sugli incidenti di Volvo Trucks, che dal 1969 esamina gli incidenti stradali sul posto e raccoglie dati sulla sicurezza del traffico per l'utilizzo nello sviluppo futuro del prodotto. Ha rappresentato Volvo in convegni sulla sicurezza del traffico e ha avuto un ruolo di primo piano nella comunicazione dell'offerta di sicurezza di Volvo al settore dei trasporti. Più di recente, Anna ha gestito l'area di gestione della situazione del traffico all'interno della guida automatica di Volvo Trucks. Ha conseguito un Master of Science in Ingegneria fisica presso la Chalmers University of Technology di Göteborg, in Svezia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto nella notte a San Piero a Grado: muore 26enne

  • Elezioni comunali a Cascina: i risultati definitivi

  • Elezioni regionali Toscana 2020, le proiezioni: Giani in vantaggio

  • Elezioni Regionali, Ceccardi sconfitta anche nella sua Cascina

  • Covid a scuola: due classi di licei pisani in quarantena

  • Coronavirus a scuola, tre studenti positivi: quarantena per compagni di classe e insegnanti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento