Partner

60 anni e non sentirli! Storia di una concessionaria più viva che mai

Un’espansione all'insegna del legame con il territorio dal Piemonte alla Toscana

Tutto ebbe inizio sessant’anni fa: correva il 1959, le auto per le strade della nostra nazione erano poche e rare, le novità erano accolte con grande interesse e il clamore che si raccoglieva intorno ai nuovi modelli era forte.

Quel mondo non esiste più: decenni di sviluppo economico e tecnologico hanno cambiato radicalmente la realtà tanto che, il quadro sopra descritto, ci pare ormai confinato a un passato remoto. Le auto, da bene di lusso, sono diventate parte integrate del consumo di massa, mezzo di locomozione indispensabile per gli italiani e prodotto in serie. I modelli e i marchi hanno iniziato a moltiplicarsi e la maggior parte delle novità immesse sul mercato invecchiano in poco tempo e sono ben presto sostituiti da nuovi modelli.

E infine arriviamo al giorno d’oggi, con il mercato dell’auto in continuo cambiamento, a cavallo tra le carburazioni tradizionali e i nuovi modelli ibridi ed elettrici, per non parlare del costante potenziamento degli apparati tecnologici che migliorano e facilitano sempre di più l’esperienza di guida. Eppure, in un mondo così mutato da far fatica a riconoscerlo, ci sono delle costanti, dei punti fermi che, pur adattandosi ai tempi e cambiando con essi, mantengono inalterata la propria filosofia, la propria etica e un’identità ben precisa.

La concessionaria Gino può dire di avercela fatta: nata nel lontano 1959 a Cuneo e prima concessionaria Mercedes-Benz nella relativa provincia la Gino Rag. Felice & Figlio snc comincia il suo processo di espansione sul finire degli anni 80: da un lato allarga il suo raggio d’azione alla Liguria attraverso l’acquisizione di partecipazione nell’Autonovanta Spa, con sede ad Albenga e filiali a Savona e Sanremo, in contemporanea, con l’apertura di nuove filiali in Piemonte, - Asti, Alba, Montocello d’Alba – rafforza ulteriormente lo stretto legame con questo territorio.

Un processo di espansione, quello iniziato negli anni 80 da Gino Spa, ben lungi dall’essersi concluso: nel 2000, infatti, Autonovanta Spa viene incorporata e acquisita. Ma non solo: dopo aver acquisito il mandato di concessione per i marchi BMW e Mini per le province di Cuneo, Savona e Imperia - imponendosi come uno dei principali dealer nel nord Italia dei marchi della casa di Monaco di Baviera - lo scorso anno, per la prima volta dal giorno della sua lontana fondazione, ha allargato alla Toscana la sua zona di competenza: grazie all’acquisizione del Gruppo Policar S.p.A., concessionaria Ufficiale BMW e Mini, espande infatti il suo raggio d’azione nel centro Italia con le sedi di Sarzana, Lido di Camaiore e Pisa.

La penetrazione in Toscana, all’alba del sessantesimo compleanno, si allarga infatti con la nuova apertura del GinoStore a Livorno, vera e propria sintesi dell’offerta di Gino Spa: varietà nell’assortimento - comprensivo di centinaia di modelli a basso chilometraggio appartenente a ben 11 case automobilistiche così da soddisfare ogni esigenza alla guida.

Quali le ragioni di questa costante espansione? Alla base del successo di Gino Spa e della sua evoluzione nel segno del successo c’è la scelta ben precisa di fare propri e incorporare i valori di quel territorio a cui da sempre è strettamente legata, ponendoli alla base della propria etica del lavoro contrassegnata da due capisaldi: la centralità del cliente, intorno al quale ruota il lavoro della concessionaria, volto a metterlo nella miglior condizione possibile per acquistare l’auto dei suoi sogni con il miglior rapporto qualità/prezzo sul mercato; l’eccellenza del personale, unico modo per poter soddisfare appieno il cliente e far diventare i suoi sogni realtà.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

60 anni e non sentirli! Storia di una concessionaria più viva che mai

PisaToday è in caricamento