Politica Cep

Antenna al Cep, interpellanza Pd: "Verrà rimossa? C'è danno erariale?"

Il Partito Democratico chiede al sindaco tutti i documenti di autorizzazione dell'impianto e di valutare le conseguenze dello spostamento

Il Partito Democratico ha promosso una interpellanza al sindaco sul caso dell'antenna per telefonia installata nelle scorse settimane al Cep, non lontano dalle abitazioni. Il caso aveva generato le proteste dei residenti, che si erano anche riuniti in un flash mob a cui lo stesso primo cittadino Michele Conti aveva poi partecipato, confermando la posizione non consona dell'impianto.

"Ci chiediamo - scrivono in una nota i consiglieri Pd Basta, Picchi e Trapani - se a Palazzo Gambacorti la mano sinistra sa cosa fa la mano destra. Se come immaginiamo questo dispositivo è stato autorizzato dal Comune, e dalla Soprintendenza, l'azienda che si vede ledere in un diritto acquisito, come reagirà? Ancora una volta ci pare che 'Conti abbia fatto male i conti', e quindi temiamo che si profili un danno erariale".

L'atto ispettivo chiede quindi al sindaco: "le evidenze della destinazione d’uso del terreno utilizzato, specificandone la proprietà e relativo iter di compensazione; gli atti che hanno dato il permesso alla compagnia telefonica di procedere all'installazione, con autorizzazione del dirigente" e così via, con tutta la documentazione in merito. Si richiede infine "l'atto per la eventuale rimozione" e "la valutazione di eventuali danni erariali conseguenti allo spostamento dell'antenna in altro
luogo".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Antenna al Cep, interpellanza Pd: "Verrà rimossa? C'è danno erariale?"

PisaToday è in caricamento