Giovedì, 23 Settembre 2021
Politica

Aree vaste? Nocchi: "Sì, Pisa sostiene la proposta di Rossi"

L'argomento sulla proposta di dividere la Toscana in tre aree vaste apre un forte dibattito: dopo le parole di Andrea Pieroni, contrario alla proposta di Rossi, sono seguite quelle favorevoli di Francesco Nocchi

Aree vaste, dichiarazioni Andrea Pieroni
Pochi giorni fa il presidente della Provincia Andrea Pieroni aveva preso le distanze dalla proposta di Enrico Rossi, affermando che creare tre aree vaste in Toscana non fosse una cosa giusta perchè manca ancora il consenso di tutti i territori.

Potrebbe interessarti: https://www.pisatoday.it/politica/aree-vaste-dichiarazioni-andrea-pieroni.html
Leggi le altre notizie su: https://www.pisatoday.it/ o seguici su Facebook: https://www.facebook.com/pages/PisaToday/163307690398788
Dopo le sue parole, sono seguite quelle del segretario provinciale pisano del Pd Francesco Nocchi, che ha sconfessato il suo collega. "No ai tentativi di cambiare tutto affinché non cambi nulla o - afferma in una nota Nocchi -  peggio ancora, di cambiare il meno possibile perché poi tutto possa tornare come prima e pieno sostegno alla proposta di Enrico Rossi sulle aree vaste".

"Del resto l'ipotesi delle tre aree vaste - spiega Nocchi - ha già ricevuto il sostegno del ministro Patroni Griffi ed è stata ripresa nell'Ordine del giorno presentato dai deputati pisani del Pd accolto dal Governo, che rende questa strada percorribile. Inoltre si è espresso per due volte all'unanimità il consiglio comunale di Pisa e c'è un Ordine del giorno dei capigruppo in Provincia".

"Ci sono precise indicazioni di lavoro e di impegno politico: sulle aree vaste, sulla ridefinizione dei criteri per la scelta dei capoluoghi e sull'impegno per evitare lo smantellamento della presenza dello Stato. Esiste già l'area vasta costiera (Pisa, Lucca, Massa, Livorno) - conclude Nocchi - che ha relazioni istituzionali già sperimentate: infrastrutture, mobilità, sistema sociosanitario, poli ospedalieri universitari, università e centri di ricerca. Per affrontare seriamente la discussione sul riordino degli enti locali occorre partire da qui. Quando si aprirà, sulla base dei nuovi criteri, la questione dei capoluoghi, e nei termini in cui varrà il concetto di capoluogo per enti che avranno funzione di mero coordinamento, Pisa ha gli argomenti giusti per stare in questa discussione".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aree vaste? Nocchi: "Sì, Pisa sostiene la proposta di Rossi"

PisaToday è in caricamento