Politica

Consiglio Comunale: Fichi e Dell'Omodarme escono dal Pd

Formeranno il gruppo consiliare Art.1 Mdp. "Restiamo comunque nella maggioranza" affermano i due consiglieri comunali

La consigliera comunale Veronica Fichi

In apertura del Consiglio Comunale di ieri pomeriggio, giovedì 11 maggio, ricordata, dalla consigliera Francesca Del Corso (Pd), con un minuto di silenzio, la morte a Roma delle tre sorelle rom. Protesta, poi, del consigliere Ciccio Auletta (Una città in comune-Prc) per la mancata discussioni di due delibere dei lavori del Consiglio Comunale (una riguarda la possibilità di togliere dal piano delle alienazioni il Palazzo ex Telecom e l’altra quella di togliere dalla stesso piano delle alienazioni l’asilo Coccapani) che, poi, così ha assicurato il vicesindaco Paolo Ghezzi, saranno discusse entro il prossimo mese di giugno.

Annunciata poi dalla consigliera Veronica Fichi, la costituzione, infine, del gruppo consiliare Art.1 Mdp, insieme al consigliere Juri Dell’Omodarme. “Rimaniamo, comunque in maggioranza” ha detto la stessa Veronica Fichi. Il nuovo gruppo consiliare, composto dai più giovani consiglieri, ha infatti assicurato l’appoggio all'attuale maggioranza guidata dal sindaco Marco Filippeschi.    

La consigliera Veronica Fichi, 36 anni, è stata tra le più votate nell’elezione delle scorsa consultazione elettorale del 2013. Veronica Fichi è anche vicepresidente dell’Anpi Provinciale. Attualmente collabora con l’Arci, di cui è anche dirigente. Juri dell’Omodarme, 37 ani, dipendente Telecom, alla sua prima esperienze come consigliere comunale, è stato anche presidente del CTP 3, cioè del Consiglio Territoriale di Partecipazione di Coltano, Putignano, Riglione, Sant’Ermete e Ospedaletto. Attualmente, come consigliere comunale, è anche presidente della 1ª Commissione consiliare, cioè la Commissione Urbanistica e Lavori Pubblici.

“Abbiamo scelto di uscire dal Pd - ha poi commentato la consigliera Veronica Fichi - perché riteniamo che questo Partito non risponda più ai bisogni del popolo della sinistra. Un nuovo percorso per la politica per il nostro paese, più aperto e partecipato”. “E stata una scelta sofferta - ha aggiunto Juri Dell’Omodarme - ma non più rimandabile dopo alcune scelte politiche che il Pd sta continuando a portare avanti, come ad esempio, sul tema del lavoro”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consiglio Comunale: Fichi e Dell'Omodarme escono dal Pd

PisaToday è in caricamento