Bancarelle in Piazza Duomo, Nerini: "Muro contro muro col Comune e gli abusivi ringraziano"

Il consigliere di Noi Adesso Pisa analizza la situazione e denuncia come ci siano duri controlli sui bancarellai in Piazza Manin, mentre finite le ronde delle forze di polizia gli abusivi hanno campo libero

Immagine di repertorio

"Le vendite illegali ci sono in tutta la città, tutti i giorni a qualunque ora, siamo fuori controllo. Ma qui nel luogo dove sono state tolte con la forza le attività legali del Mercato Storico la cosa assume dei contorni grotteschi: non si interviene a fermare questi reati e nello stesso tempo non si rispetta il diritto al lavoro di chi è stato umiliato, costretto ad andarsene da lì con scuse che non reggevano e non reggono!".

Il consigliere comunale di Noi Adesso Pisa Maurizio Nerini, dopo lo scorso Consiglio Comunale del 21 luglio, traccia il quadro del commercio di Piazza dei Miracoli, diviso fra bancarellai e venditori abusivi. "E' da maggio - prosegue - che abbiamo chiesto di parlare in Consiglio del ritorno del Mercato storico in via del Duomo, nella parte del cantiere dove non si è mai lavorato dopo la tinteggiatura del muro. Ci viene detto che 'è prematuro parlarne', che 'il comitato deve ancora valutare i vincoli', ma quanto vi ci vuole? Che vergogna! Sembra che si abbia paura, si gioca al rimando, a lasciar trascorre il tempo, magari fino alle elezioni. Ma sta arrivando il giorno che di tempo non ce ne sarà più".

Sono note le proteste dei bancarellai spostati in Piazza Manin, ed al consigliere di Nap non è piaciuta la ricostruzione offerta dalla risposta al question time del 21 luglio del sindaco di Pisa. Filippeschi ha ricordato che per la piazza è stato confermato il turno di controllo aggiuntivo della Polizia Municipale, dalle 13 alle 19, che è stato ampliato fino alle ore 21 in un tavolo tecnico con la Questura tenutosi mercoledì scorso. La piazza è poi presidiata 24 ore su 24 dai militari, per il servizio antiterrorismo.

Nerini commenta: "Ci sono reati perseguiti solo 'a tempo'? Alle 21.01 si può fare di tutto? L'impegno che tutta la città chiede al sindaco è che il servizio sia fisso, perché i bancarellai intervenuti in Consiglio (ci sono stati momenti concitati ndr) si sentono presi in giro, perché se saltano uno scontrino vengono sanzionati giustamente e stanno 'al pezzo' dalle 7 la mattina alle 19 la sera e all'imbrunire i vigili se ne vanno e i venditori abusivi fanno cosa pare a loro".

"Ci vuole impegno e coraggio per ripristinare la legalità in Piazza dei Miracoli - conclude il consigliere Nap - certo, la scelta di multare con 5mila euro i bancarellai per vendita di protesta del mese scorso, nello stesso luogo, non fa altro che andare ad un muro contro muro che vanifica l'impegno e affossa il coraggio. Auspico per questa ultima vicenda penosa almeno una soluzione politica".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto travolge tavoli e clienti di una pizzeria in via dell'Aeroporto

  • Coronavirus e sovraffollamento, nuova ordinanza: positivi inviati in albergo

  • Meteo, il gran caldo ha i giorni contati: torna il maltempo

  • Cede controsoffitto all'interno dell'ospedale Cisanello

  • Coronavirus in Toscana: 5 nuovi casi, di cui 2 a Pisa

  • Coronavirus in Toscana: 4 nuovi casi, di cui 2 a Pisa

Torna su
PisaToday è in caricamento