Politica

Bonafè segretario regionale del Pd: 6mila votanti a Pisa

Soddisfazione espressa dal coordinatore provinciale della mozione mario Iannella, Valerio Fabiani richiama ora all'ascolto di chi ha espresso voglia di cambiamento

Ci sono le reazioni alla vittoria dell'eurodeputata renziana Simona Bonafè, eletta segretaria del Partito Democratico regionale. Mario Iannella, coordinatore provinciale della mozione: "Ancora una volta le primarie sono state una straordinaria occasione di partecipazione democratica e la provincia di Pisa è una di quelle in cui, in rapporto alla popolazione, il numero dei votanti è stato maggiore. Voglio ringraziare, di cuore, i tantissimi volontari che anche stavolta hanno permesso di tenere aperti decine e decine di circoli e gazebi su tutto il territorio e fare un grande in bocca al lupo sia ai delegati provinciali che andranno a far parte dell’assemblea regionale sia, soprattutto, a Simona Bonafè che da oggi è la nostra nuova segretaria regionale".

Sul valore politico dell'elezione: "Quella di ieri è stata una giornata importante ma quelle che abbiamo davanti da oggi in poi lo saranno ancora di più. Siamo infatti chiamati tutti insieme a rilanciare con forza l’azione politica del Partito Democratico a partire soprattutto dal nostro territorio e mi auguro che la stessa passione e la stessa energia che abbiamo visto in queste settimane da parte di chi ha sostenuto entrambi i candidati vengano ora messe a disposizione della nuova segretaria. D’ora in avanti siamo chiamati tutti a lavorare nella stessa direzione e a perseguire davvero quella unità che ci ha chiesto a gran voce la piazza di Roma. Siamo una grande comunità, aperta e plurale, e siamo sicuri che Simona Bonafè sarà in grado di valorizzare tutti coloro che hanno voglia di dare una mano a renderci sempre più forti e radicati sul territorio per essere in grado di contrastare e battere la destra leghista e il M5S sia in provincia di Pisa sia a livello regionale".

Il candidato dell'area orlandiana Valerio Fabiani: "Per prima cosa voglio fare i migliori auguri a Simona Bonafé. Voglio poi ringraziare tutti coloro che ci hanno sostenuti nella fase congressuale e delle Primarie: il risultato regionale vicino al 40% è assolutamente straordinario e impensabile fino a poche settimane fa, visti i tempi strettissimi per recuperare uno squilibrio notevole di forze, di risorse e di dirigenti in campo. Migliaia di toscani sono andati alle urne per chiedere al Partito Democratico una nuova stagione, profondamente diversa per metodi e impostazione politica rispetto al recente passato. Anche chi ha vinto non può non riconoscere la portata e il valore di questo segnale, che vogliamo mettere a disposizione di tutto il partito. Abbiamo ottenuto risultati particolarmente alti in città dove il centrosinistra ha già perso, come Pisa, Arezzo e Livorno, dove c’è stato un sostanziale pareggio alle Primarie, o Siena, dove abbiamo vinto. Qui il popolo democratico è particolarmente consapevole di quanto sia urgente ed essenziale un cambio di passo per tornare a vincere. Chiediamo a Simona Bonafé di mettere in pratica la volontà di unità che ha dichiarato: venga incontro a questa richiesta di cambiamento, ne acquisisca proposte e idee e dia segnali concreti proiettati al futuro e non al passato. Solo così garantirà piena cittadinanza al 40% circa del popolo democratico e una gestione del partito che possa portare il PD e il centrosinistra a vincere i molti comuni al voto l’anno prossimo e le Regionali nel 2020, bloccando l’avanzata leghista".

Il commento del segretario provinciale di Pisa Massimiliano Sonetti: "A nome della federazione provinciale Pisana facciamo gli in bocca al lupo all’eurodeputata Simona Bonafè che da oggi con il suo 65% dei consensi avrà il compito di guidare la componente Toscana del nostro partito, anche in vista delle prossime elezioni regionali. Ben oltre 45mila sono stati i votanti, dei quali 6mila solo a Pisa, che hanno contribuito all’elezione del nuovo segretario e tutto ciò con il grande impegno di una squadra di oltre 500 volontari sparsa nelle centinaia di seggi creati per l’occasione, a continua testimonianza di come la Governance del Partito Democratico sia dettata democraticamente dai cittadini e non decisa dall’alto a modello padronale, come avvenuto nel caso dell’altro partito che al momento governa la città di Pisa ed il paese con più demagogia che risultati concreti".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonafè segretario regionale del Pd: 6mila votanti a Pisa

PisaToday è in caricamento