Politica

Calci: un bilancio di previsione lacrime e sangue....non per l’amministrazione, ma per i cittadini

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Fino a ieri Erano i governi nazionali, diametralmente opposti come connotazione politica, i maggiori responsabili di questa catastrofica situazione; improvvisamente oggi, questa Amministrazione fa finta di nulla anzi …. TACE anche sulle proprie responsabilità!!

Tace sul fatto che questo bilancio di previsione 2013 "sarà lacrime e sangue" per i cittadini perché con l'irpef allo 0,8 %, l'IMU alle stelle e l'ultimo salasso TARES subiranno un prelievo fiscale come un residente in località prestigiose come SESTRIERE, SIRMIONE, SAN GIMIGNANO, TAORMINA, ASSISI, FORTE DEI MARMI, CAPRI…

Tace sul fatto che i costi per il servizio raccolta e smaltimento RSU passano da 800mila € del 2010 ad oltre un milione di euro. Allora chiediamo: dove sono i reali vantaggi per i cittadini utenti che, secondo i dati Geofor hanno raggiunto una percentuale di raccolta differenziata del 68, 97 %?? Noi non riusciamo a vederli.

Tace sul fatto che la riorganizzazione del trasporto pubblico locale, sbandierata nei passati consigli comunali come l'unica soluzione ai vari tagli perpetrati, si sta dimostrando un flop. A fronte delle stesse risorse versate, il nostro territorio ha subito ultimamente la soppressione di tutte le corse festive.

Tace sul fatto che la tanto sbandierata riqualificazione della zona antistante a Certosa, rimasta isolata dal centro del paese, non sta portando nessun beneficio ne al nostro Comune ne alle nostre 'attività commerciali: quanti dei visitatori del Complesso Monumentale "mangiano, dormono o solo passeggiano a CALCI" ?? ..quasi nessuno!!

Tace sul fatto che le spese correnti sono aumentate a fronte di minor entrate; manca una riorganizzazione seria della macchina comunale; L'Amministrazione Comunale non è riuscita da inizio legislatura a dare un segnale vero di cambiamento. E'evidente che manca un chiaro indirizzo politico e di controllo. Pensiamo solo ai 13 mila € impegnati recentemente per lavori di riparazione del selciato con una ditta diversa, rispetto a quella che ha "riqualificato" Via Roma. Una vergogna !!

Tace sul fatto che i vari monumenti eretti sul territorio, installati qua e la, sono stati un costo e che proprio quelle risorse impegnate potevano/possono essere utilizzate per una manutenzione ordinaria del territorio; ci sono località dove l'abbandono è ormai vissuto dai cittadini come qualcosa di "normale". Ma di normale non c'è nulla.

Tace sul fatto che il t-red installato sul semaforo a La Gabella non serve, come ci aveva detto l'amministrazione, per una maggiore sicurezza dell' incrocio ma è utile per aumentare il gettito dei proventi da contravvenzioni stimato per quest'anno tra i 94 e 96 mila euro. L'Amministrazione si giustifica affermando che il 25% di quei proventi saranno utilizzati per la manutenzione stradale ed altro. Allora ci chiediamo: ogni volta che sarà necessario tappare una buca occorrerà emettere una sanzione per divieto di sosta ??

Tace sul fatto che "alcune correzioni , integrazioni e varianti" agli strumenti urbanistici vigenti faciliterebbero da una parte il recupero dell'esistente ( era uno dei punti inseriti nel programma di questa maggioranza) da l'altro porterebbero maggiori oneri nelle casse comunali: pensiamo, per esempio, alla monetizzazione dei diritti di superficie (posti auto); oppure alla possibilità una volta per tutte di regolamentare l'installazione di strutture permanenti all'esterno a quelle attività di ristorazione che ancor oggi attendono risposta;

Tace sul fatto che l'ERP (Edilizia Residenziale Popolare) è in condizioni disastrose. …. Ci domandiamo dove sono finiti i fondi finanziari ricavati dalla vendita di alcuni alloggi di proprietà dell'Ente Comune ??

Tace sul fatto che la messa in sicurezza del complesso monumentale di Nicosia, vada ripensato. Lo stanziamento d'ingenti risorse da qui al 2015 ( pari ad € 500 mila € ) appare poco indicato e rischia di essere sostanzialmente inutile; è, come si suol dire, come togliere un bicchiere d'acqua dal mare. Ad oggi ci sono altre priorità.

Non vogliamo condividere questo bilancio di previsione, non vogliamo avvallare le scelte sbagliate di questa Amministrazione nemmeno con un voto di astensione.

Per quanto sopra esposto il nostro voto è stato un voto contrario ed il bilancio di previsione è stato approvato con soli 9 voti favorevoli su 17 componenti il Consiglio Comunale (che maggioranza!).

I Consiglieri Comunali

Paolo Lazzerini
Valter Mignani
Genny Degli Innocenti

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calci: un bilancio di previsione lacrime e sangue....non per l’amministrazione, ma per i cittadini

PisaToday è in caricamento