Campo sportivo del Cep: "Due anni di ritardo per il recupero, perché?"

Il gruppo consiliare del Pd aveva promosso un'interpellanza prima dell'annuncio dell'amministrazione del bando di assegnazione

Il gruppo consiliare del Pd conferma le domande che a giugno aveva posto all'amministrazione con un'interpellanza, circa lo stato di degrado del campo sportivo al Cep, struttura per la quale il Comune ha appena avviato la gara per l'affidamento, con in previsione i lavori di sistemazione. 

"Latrofa 'si fà bello' con un comunicato che riguarda la rimessa a norma e bando di assegnazione dei campini del Cep abbandonati da 2 anni da questa amministrazione - commenta il consigliere Pd Vladimiro Basta - 2 mesi fa con la consigliera Picchi avevamo presentato un'interpellanza per chiedere come mai dopo due anni di degrado ed abbandono, i 'Superman della Lega' non avevano ancora fatto nulla. Il Cep purtroppo oggi si sente abbandonato, essendo stato usato come Bancomat dalla Lega solo durante le elezioni".

"Da circa due anni i campi in oggetto - si legge nel documento ispettivo - denominati per gli abitanti del quartiere Cep 'campini', non vengono assegnati ad ente/società sportiva e permangono da troppo tempo in una condizione di profondo degrado. Lo stato di abbandono del campo da gioco e degli spogliatoi, l’assenza di una società che li gestisca, ha permesso continui atti vandalici che hanno ridotto gli stessi in un campo da guerra. L’attuale stato di degrado rende insicuri la fruizione per i minori e non, del quartiere che li utilizzano come unico campo sportivo disponibile nella zona".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Queste le domande rivolte alla Giunta: "Per quale motivo sono stati abbandonati per così tanto tempo; chi sono i responsabili di questa incuria e danno erariale, di un bene comunale, costruito con i fondi regionali e comunali; quale sono le azioni/investimenti in atto per recuperare tale bene, e renderlo fruibile per il quartiere e la città; per quali motivi non sono stati recuperati e ripubblicati bandi per nuove assegnazioni (oggi il bando è  pubblicato ndr)". Poi la richiesta: "Nell’attesa di fare chiarezza, sui punti sopra elencati, si renda sicura la struttura per utilizzo libero per gli abitanti del quartiere".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 28 anni in un incidente in moto in autostrada

  • Colta alle spalle e rapinata di notte in via Notari: due arresti, si cerca il terzo

  • Incidente stradale lungo l'Aurelia: un morto e tre feriti

  • Coronavirus in Toscana, 61 nuovi casi: 8 in più a Pisa

  • Minore scomparso a Calambrone: 15enne ritrovato

  • Nuovo supermercato in Borgo Stretto: "Affossate le piccole attività"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento