Domenica, 19 Settembre 2021
Politica Cascina

Sit-in per Charlie Hebdo: la Lega Nord Cascina propone censimento dei luoghi islamici

Il 7 gennaio 2015 l'attentato al giornale satirico francese. Ad un anno di distanza la Lega Nord di Cascina ricorda l'evento e propone la misura di controllo nel Comune perché "ormai il nemico lo abbiamo in casa"

La redazione del giornale satirico 'Charlie Hebdo' fu assaltata il 7 gennaio di un anno fa, con la morte di 12 giornalisti. Il 13 novembre gli attentati, sempre a Parigi, in cui hanno perso la vita 130 persone. "A distanza di un anno - scrive la Lega Nord di Cascina - il clima non è cambiato".

Per questo una rappresentaza del partito è scesa in piazza a Cascina: "Abbiamo voluto commemorare i morti di Parigi con questo atto simbolico, costituito dal deposito di un bouquet di fiori, inneggianti al tricolore francese, per far accendere le coscienze dei nostri concittadini cascinesi. Per fargli ricordare quanto sangue viene fatto scorrere in nome di una sola religione al mondo e che il nemico, ormai, ce l'abbiamo in casa ed è proprio per questo che nel nostro comune occorre effettuare immediatamente un censimento di tutti i luoghi di aggregazione e preghiera delle comunità islamiche".

"Se tali luoghi - insiste la Lega Nord - non dovessero risultare da alcun registro pubblico ovvero difettassero dei requisiti che vuole la legge italiana, devono venire chiusi immediatamente".

Un secondo messaggio è stato lanciato direttamente al sindaco di Cascina Alessio Antonelli. "Un Sindaco - afferma la nota - che si è dilettato a far impiastricciare d'inchiostro una parte della facciata della ex Mostra del Mobilio con un graffito che ritrae un presunto profugo con la scritta 'be human', quando quei soldi potevano essere utilizzati per aiutare i cascinesi in difficoltà che si vedono superare in qualsiasi graduatoria pubblica proprio dagli stessi profughi che vengono rappresentati da quel murales". 

"Siamo stanchi - ha affermato Edoardo Ziello (LN Cascina) - di vedere questi atteggiamenti pietisti e buonisti della sinistra nei confronti di mezzo mondo fuorché nei confronti dei cittadini italiani. Tra pochi mesi ci saranno le elezioni comunali e se dovesse vincere la coalizione di centrodestra, sarà premura della Lega impegnare il sindaco a privilegiare i cittadini cascinesi che da troppo tempo sono stati messi in secondo piano".

Susanna Ceccardi, consigliere comunale di Cascina LN: "Un gesto che fa capire quanto noi della Lega Nord amiamo la nostra libertà. Una libertà che in troppi casi è sottoposta a limitazioni o ad esclusioni con la giustificazione di non offendere la sensibilità altrui. Cascina non deve assolutamente dimenticare quanto accaduto lo scorso anno a Parigi né minimizzare circa la chiara provenienza culturale di tali soggetti. Gli attentatori erano islamici e nel momento del perfezionamento dei loro gesti efferati, hanno più volte inneggiato al loro Dio, con un evidente messaggio minaccioso a tutto l'occidente".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sit-in per Charlie Hebdo: la Lega Nord Cascina propone censimento dei luoghi islamici

PisaToday è in caricamento