Politica

Centro Federale della Canoa, è polemica: "Parole gravi, urge chiarimento"

La consigliera Punzo (Lega) ha parlato di un possibile stop alla struttura per irregolarità, la consigliera Picchi attacca l'amministrazione

"Sono molto gravi le parole della presidente Punzo sulla vicenda del Centro Federale della Canoa. Non so se nel tentativo di addossare sempre la colpa a 'quelli che c'erano prima'non ci si rende conto delle affermazioni che si fanno. Se fosse vero che ci sono gravi irregolarità presenti questo significherebbe che l'amministrazione Conti è doppiamente responsabile". Prosegue il botta e risposta fra la consigliera comunale e presidente della Terza commissione Maria Punzo (Lega) e la consigliera e vicepresidente della stessa commissione Olivia Picchi, in merito ad un paventato possibile stop all'attività della struttura.

"Se Punzo è convinta di quello che dice dovrebbe spiegare alla città perchè l'attuale amministratore Pisano non abbia subito affrontato la questione e lasciato gli atleti per primi a rischio, aspettando quasi due anni per sollevare il problema. Se quello che afferma Punzo fosse vero, allora ci sarebbero responsabilità amministrative e penali in capo ai rappresentanti del centro federale e in capo all'ex amministratore di Navicelli, che Pisano aveva il dovere di attivare subito. Se non lo ha fatto, o è incorso una grave mancanza lui, o come sosteniamo noi queste responsabilità non ci sono".

Sarebbe quindi una questione squisitamente politica: "Questa maggioranza - insiste Picchi - dovrebbe davvero capire che governare è un esercizio faticoso e che non è possibile cavarsela cercando sempre responsabilità altrove. Punzo ci dica come intende risolvere e se davvero c'è questa volontà. Alla luce delle sue dichiarazioni però è mio dovere di presidente della seconda commissione di controllo e garanzia convocare subito Pisano per un chiarimento che oggi diviene sostanziale e urgente". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centro Federale della Canoa, è polemica: "Parole gravi, urge chiarimento"

PisaToday è in caricamento