Politica

Chiusura inceneritore Ospedaletto, M5S: "Ha chiuso per la salute dei cittadini?"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

La chiusura dell’inceneritore ormai obsoleto di Cisanello in campagna elettorale ci viene pubblicizzata per motivi legati alla salute dei cittadini, vengono citati i risultati di una indagine epidemiologica ambientale,in quella ricerca, così viene dichiarato, si evidenziano criticità da approfondire e alcune gravi patologie, come se in tutti questi anni non vi fossero state fatte altrettante indagini sul territorio e la salute di chi vi abita.

 Dopo quasi quarant’anni di servizio dell’Inceneritore il reale interrogativo – sostengono i pentastellati -  da parte degli amministratori si sostanzia in una mera valutazione economica , un calcolo sui costi necessari per il suo recupero tecnico e strutturale oppure rigenerarlo ma “richiederebbe investimenti economici importanti e una prospettiva di esercizio di lunghi anni, una spesa maggiore di quella prevista per conferire i rifiuti indifferenziati ad altri impianti, anche al netto dell’ammortamento residuo”.

Nel riportare le notizie di questi giorni non sfugge un passaggio: “l’assessore Andrea Serfogli, candidato del centrosinistra alle amministrative, durante il suo recente incontro con i cittadini della zona («priorità della mia amministrazione - ha detto - saranno le tematiche legate alla salute, collegata alla chiusura dell’inceneritore)».

Non si comprende a quali “tematiche legate alla salute” si faccia riferimento considerato il fatto che, con l’inceneritore fuori uso, i rifiuti vengono trattati in impianti di biostabilizzazione (prima di essere portati in discarica) che si trovano a Massarosa, Massa, Peccioli e Rosignano e in parte all’inceneritore di Livorno. Sembrerebbe quasi una sperimentazione, tra possibilità pratiche e costi relativi, di cosa potrebbe succedere riguardo ai rifiuti del territorio in caso di chiusura del termovalorizzatore di Ospedaletto. In questo caso non è stata presa minimamente in considerazione l’impatto ambientale, l’inquinamento, e della salute provocato dalla movimentazione dei camion tra Pisa e le destinazioni suddette, girando in mezza Toscana, con tutti i rischi e pericoli. 

Se spiega il Sindaco di Pisa” «Grazie allo sforzo dell’Amministrazione e all’impegno dei cittadini, a Pisa abbiamo superato il 60% di raccolta differenziata, e nel 2017 abbiamo inviato allo smaltimento in discarica meno del 5% dei rifiuti raccolti e trattati», rimane da conferire e quindi movimentare il restante 35%, se questo significa – sempre tratto da intervista – un intervento tale per alleggerire un territorio gravato da una zona industriale, super strada...ecc..i nostri amministratori uscenti hanno uno strano concetto di salvaguardia della salute e benessere dei cittadini

In estrema sintesi ci dicono i vertici del PD che viene chiuso un inceneritore per la salute dei cittadini, in realtà costava troppo recuperarlo!

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiusura inceneritore Ospedaletto, M5S: "Ha chiuso per la salute dei cittadini?"

PisaToday è in caricamento