menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ciclopista del Trammino, Trapani (Pd): "La Lega osteggiò il progetto, ora se ne prende il merito"

Critico il capogruppo in Consiglio Comunale, che rivendica il progetto voluto dalla passata amministrazione

Attacca la maggioranza Matteo Trapani, capogruppo Pd in Consiglio Comunale, sulla prossima inaugurazione della Ciclopista del Trammino, parte della ciclovia dell'Arno, progetto partito "il 15 febbraio 2018 - ripercorre Trapani - quando la precedente amministrazione ha deliberato all’unanimità l’approvazione del progetto che comprende due piste ciclabili che collegano una la città di Pisa al litorale e l’altra i quartieri di Riglione e Putignano all’ospedale di Cisanello e al resto della città attraverso un ponte. Per realizzare il progetto Pisa si è aggiudicata il finanziamento da 2,5 milioni di euro da parte della Regione attraverso il bando POR FESR 2014/2020. I lavori sarebbero potuti cominciare immediatamente dopo l’elezione della nuova amministrazione, ma deliberatamente sono stati ritardati di un anno, forse per prendersi tutto il merito di un’opera che ha dietro di sé un percorso più che decennale".

"L’attuale amministrazione si appresta ora trionfalmente a tagliare il nastro - è la critica - quando alla votazione di quel 15 febbraio 2018 i consiglieri che ora fanno parte della maggioranza erano tutti assenti, in un tentativo disperato di boicottare il voto. Il consigliere Nerini il giorno dopo fece uscire persino un comunicato in cui esprimeva tutta la sua contrarietà con un 'Ma possiamo 'costringere' tutti ad andare in bicicletta al mare?'. Oggi Lega e Fratelli d’Italia piazzano addirittura i loro gazebo all’inaugurazione, trasformando un’importante opera comunale in un banale recruitment partitico".

Insiste poi il capogruppo: "L’atteggiamento di allora fu assurdo, anche con numerose dichiarazioni che criticavano numerosi punti del progetto, mentre quello attuale fa preoccupare sullo stato di coerenza dell’attività politica della maggioranza. Hanno oppure no un chiaro indirizzo politico? Noi riteniamo che il loro unico scopo sia farsi belli con l’impegno di altri e cercarsi dei nemici sui quali scagliare il loro nuovo 'potere' di non ascolto dell’opposizione. Un esempio? Avevamo chiesto di occuparsi, prima di dare il via ai lavori, di predisporre un piano per l’illuminazione della stessa ciclovia, recuperando le coperture finanziarie con l’eliminazione di qualche progetto di fiori e aiuole o attraendo finanziamenti. Ci sono molte cose che non ci tornano anche in relazione al progetto iniziale e al realizzato e che abbiamo posto in prima commissione, rivolgendoci anche agli organi preposti per accertare l'intero progetto e i lavori. Ovviamente la richiesta non venne tenuta di conto, perchè questo è il modus operandi della Giunta Conti: si tagliano nastri della precedente amministrazione, si fa qualche pagina di giornale e si cerca di sminuire e annullare l’opposizione e le proposte, pensando più alla gestione del potere che alla gestione della città".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Spuntini proteici, i pancake con uova e yogurt: la ricetta

Arredare

Arredamento open space: come avere una casa di tendenza

social

Dolci sfiziosi, la ricetta della torta di mele e Nutella

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento