Politica

Linea veloce Centro-Cisanello, Sel: "Necessario confronto con i cittadini"

Simonetta Ghezzani, consigliera comunale di Sel, chiede la sospensione dei termini per la presentazione delle osservazioni sul 'People Mover 2': "Opera impattante sulla città, necessario un processo partecipativo"

"Il prossimo 15 agosto scadono i termini per le osservazioni al progetto preliminare del People Mover 2 senza che i cittadini e il Consiglio comunale abbiamo potuto dire la loro". E' la denuncia lanciata dalla consigliera comunale di Sel, Simonetta Ghezzani, sul nuovo progetto di collegamento tra la Stazione centrale e l’Ospedale di Cisanello.

"Senza alcun passaggio consiliare - accusa la Ghezzani - l'opera è stata oggetto di una conferenza dei servizi nel mese di maggio e oggi, in pieno agosto, si chiude la fase i presentazione delle osservazioni. Ci chiediamo come sia possibile che un'opera fortemente impattante sul panorama urbano possa realizzarsi in assenza di un reale processo partecipativo e senza il coinvolgimento della cittadinanza".

Il progetto venne presentato dal sindaco Filippeschi nell'aprile 2013, in chiusura dello scorso mandato, come un'opera di mobilità dolce e sostenibile, trattandosi di un mezzo a emissioni 0 in grado di dimezzare i tempi di collegamento tra la stazione ferroviaria e l'ospedale di Cisanello attraverso mezzi che in parte correranno in sede protetta.

"Un itinerario di 4,5 km - spiega la Ghezzani - che tuttavia comporterebbe opere fortemente impattanti sulla città, come due sottopassi, due sopraelevate e addirittura un altro ponte parallelo a quello della Vittoria, il tutto per un costo stimato complessivo di 68,2 milioni di euro, il 60% del quale a carico del pubblico".

La consigliera di Sel chiede quindi la sospensione dei termini per la presentazione delle osservazioni "per consentire dopo l'estate, a seguito di una serie di iniziative pubbliche che riteniamo necessarie, un pieno coinvolgimento della città e del consiglio comunale. Non comprendiamo - prosegue la Ghezzani - come oggi si possa procedere senza un piano generale della mobilità, peraltro annunciato dallo stesso assessore Forte, in un momento di scarsità di risorse e di significative criticità".

"I forti tagli al trasporto pubblico locale - continua la consigliera comunale - con la gara unica regionale che non sappiamo quali effetti dispiegherà nel tempo sulla mobilità urbana; la modifica dell'assetto societario dell'aeroporto con i possibili riflessi sul piano economico finanziario del people mover, impongono un ripensamento complessivo delle opere in cantiere, laddove soprattutto si tratti di grandi opere. Il tutto - conclude la Ghezzani - mentre  si ridiscute della variante nord est da realizzarsi con il terzo lotto dell'ospedale di Cisanello, mentre d'altra parte anche questa opera sembra minacciata dai tagli alla sanità pubblica".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Linea veloce Centro-Cisanello, Sel: "Necessario confronto con i cittadini"

PisaToday è in caricamento