Domenica, 19 Settembre 2021
Politica San Giuliano Terme

"Qui un Di Maio da cambiare, a Roma uno con cui continuare a lavorare"

Il vicepremier leghista, Matteo Salvini, a San Giuliano Terme rassicura sulla tenuta del Governo e annuncia una legge sulla droga: "Tutti gli spacciatori andranno in carcere, altro che festa delle canne a Pisa"

"A San Giuliano Terme c’è un Di Maio da cambiare. A Roma c’è un Di Maio con cui invece andremo avanti a lavorare". E' quanto affermato questa mattina, sabato 4 maggio, dal ministro dell'Interno Matteo Salvini durante il comizio elettorale, in vista delle europee, tenuto in piazza Italia, proprio nel comune termale. Tante le persone ad ascoltarlo. Ad accoglierlo anche una decina di contestatori.  "Il Governo arriverà in fondo - ha continuato Salvini - perchè la mia parola conta più dei sondaggi. Non è una poltrona in più o meno che fa la differenza" ha poi proseguito riferendosi al caso Siri "ma in una paese civile si è innocenti fino a prova contraria e i processi non si fanno in televisione".

Il comizio, in vista del voto delle amministrative, ha avuto inevitabilmente anche valore per il sostegno del candidato di centrodestra a sindaco, Antonio Casucci. "Chi sceglie un sindaco della Lega - ha detto a questo proposito Salvini - fa una scelta precisa: con noi le case e i contributi comunali vanno prima agli italiani".

Tanti e soprattutto nazionali i temi affrontati dal vicepremier leghista che dopo aver ringraziato "le forze dell'ordine che stanotte hanno arrestato una decina di camorristi che a Napoli erano andati in giro a sparare ed ammazzare per la città" ha ricordato alcuni dei provvedimenti realizzati dalla Lega: dalla legittima difesa, alla pace fiscale, passando per la legge Fornero "che abbiamo iniziato a smontare pezzo dopo pezzo".

Il ministro ha affrontato anche il tema degli sbarchi: "Gli ultimi dati - ha detto Salvini - parlano di un calo del 92% rispetto a quelli dello scorso anno". Non sono mancati gli attacchi ai giudici: "La sentenza del tribunale di Bologna - ha detto Salvini - sull'iscrizione anagrafica dei richiedenti asilo per quanto mi riguarda è vergognosa". Frecciate anche nei cofronti dei magistrati: ""Il tribunale di Catania sta aprendo un altro processo perché difendo il mio Paese. Se vogliono processarmi - afferma - ci andrò con il sorriso sulle labbra. Poi dopo l'assoluzione mi vengo a fare un bagno a San Giuliano Terme."

Sui provvedimenti in cantiere: "Proporremo una legge di civiltà che prevede la castrazione chimica per pedofili e stupratori. Entro maggio sarà legge anche la nostra proposta per installare telecamere negli asili e nelle case di riposo. Come sapete l'educazione civica diventerà materia di studio obbligatoria sui banchi di scuola. Chiederò che venga rimesso anche il grembiulino per chi va in classe. Rispetto delle regole, ordine e disciplina vanno insegnati fin da piccoli".

Tra i temi anche quello della lotta alla droga. "Faremo una legge per mandare in carcere qualunque spacciatore - ha detto Salvini - che spacci tanto o poco. Altro che la festa delle canne a Pisa, prendete l'uovo sbattuto che fa meglio". Infine sul tema del razzismo: "Nel 2019 le persone non si distinguono più per il colore della pelle. E comunque gli unici razzisti che conosco sono a sinistra".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Qui un Di Maio da cambiare, a Roma uno con cui continuare a lavorare"

PisaToday è in caricamento