rotate-mobile
Politica

Consiglio Comunale: la maggioranza plaude al nuovo piano del commercio

Commenti favorevoli su bancarelle, partecipazione, mercati periferici e Luminara da parte della consigliera della Lega Punzo e dal gruppo consiliare di Fratelli d'Italia

Il Consiglio Comunale di Pisa, con i voti favorevoli della maggioranza composta da Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia, ha approvato il nuovo piano del commercio

La consigliera della Lega Maria Punzo commenta rivendicando il merito della maggioranza di aver 'chiuso la partita'. "Il Pd negli anni in cui avrebbe potuto aiutare gli ambulanti si è semplicemente limitato a relegarli in Piazza Manin, dove ad oggi lavorano in strutture indegne e indecorose offrendo un terribile primo impatto ai turisti che arrivano a visitare la piazza. Il Pd parla di disparità di postazioni tra gli operatori sulle future assegnazioni dei posteggi, e questo conferma ancora una volta la scarsa conoscenza della situazione del mercato di Piazza Manin dove, per come sono collocate ora le bancarelle, ci sono ambulanti che durante il giorno non vedono nemmeno un turista perché collocati di fronte all'entrata pedonale del pronto soccorso, a differenza di coloro che ne godono il passaggio trovandosi in una postazione frontale rispetto all'arco della piazza, situazione che ha creato nel corso di questi anni vera disparità tra i possibili incassi giornalieri. Parla di visuale deturpata nel cono di visione del paesaggio in via Maffi quando in realtà ogni posteggio è stato approvato dalla commissione paesaggistica e dalla sovraintendenza, interlocutore principale di questo percorso".

Un percorso anche partecipato, secondo la consigliera, quello del piano del commercio: "Per quanto riguarda i comitati di partecipazione, legittimi di organizzarsi in forma privata, abbiamo deciso di riconoscere come interlocutori principali per il futuro le associazioni di categoria, che porteranno le istanze dei loro iscritti al tavolo di concertazione, fermo restando che, come successo proprio in questi giorni, a seguito di una richiesta di incontro urgente, l'assessore ha accolto tempestivamente il comitato dei gelatai per chiarimenti ulteriori, dimostrando grande disponibilità al dialogo. Il percorso di partecipazione avvenuto all'interno della commissione, che ha portato al documento finale dopo più di 20 incontri durante i quali abbiamo udito gli operatori del Mercato del Duomo, più volte udito le associazioni di categoria, preso atto delle linee guida presentate dalla simurg ricerche, confrontati con l'assessore su tutti gli aspetti del nuovo piano e del regolamento, è maturato in un documento finale che, a nostro avviso, è la soluzione migliore con gli strumenti che abbiamo e i limiti imposti dal protocollo di intesa per la tutela della piazza del Duomo patrimonio culturale e artistico dell'Unesco".

Per il gruppo consiliare di Fratelli d'Italia "il Piano del Commercio su aree pubbliche approvato è uno strumento che è mancato per troppo tempo, oltre 20 anni, e risolve una serie di criticità importanti per la nostra città e sarà lo strumento normativo e di pianificazione per i prossimi decenni". "C'è da evidenziare - scrive in una nota - la promozione di mercati in zone periferiche della città e il nuovo assetto del mercato di san Martino. Ma soprattutto la grande attenzione a tutto quello che riguarda i prodotti tipici che identificano le tradizioni enogastronomiche tramandate nel territorio e la valorizzazione e tutela del lavoro locale e della filiera corta. In riferimento ai provvedimenti particolari, c’è soddisfazione il portato culturale che arriverà dalla fiera del libro e della stampa antichi, ma soprattutto per il lavoro che è stato fatto sulla Luminara".

Sulla Luminara infatti c'è l'intento di "ritornare all'essenzialità delle tradizioni e della memoria storica e allo spirito originale e 'sacro' della sera della vigilia di San Ranieri anche attraverso un'atmosfera adeguata. Da qui la necessità di ridurre l'impatto, nei tratti dei Lungarni tra ponte della Fortezza e ponte Solferino, delle luci e dei generatori dei banchi commerciali. Uno sforzo difficile di dislocazione di meno di una ventina di attività, che riteniamo possa salvaguardare lo straordinario fascino della Luminara senza danneggiare gli operatori".

"Lo strumento approvato dal Consiglio Comunale - conclude - permetterà un innalzamento del livello di qualità dell'offerta dei mercati e delle fiere e per questo vogliamo ringraziare in particolare l'assessore Pesciatini, che in questi mesi faticosi si è speso 'anima e corpo' per arrivare, attraverso una concertazione fittissima, a questo risultato. Ora, stante il pessimo vincolo della liberalizzazione legata al D.Lgs. 114/98, la cosiddetta riforma Bersani, esortiamo il Sindaco e la giunta a lavorare per il contingentamento delle licenze in centro storico e una regolamentazione seria, per quanto consentito, per la tutela dell'interesse del Comune di Pisa rispetto alla proliferazione selvaggia dei supermercati della grande distribuzione a sostegno del commercio al dettaglio e dei negozi storici per riscoprire il volto originario della città di Pisa nella sua identità fatta di tradizioni e tipicità enogastronomiche e artigianali uniche e di qualità che vogliamo fortemente tutelare anche per sostenere l'economia locale".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consiglio Comunale: la maggioranza plaude al nuovo piano del commercio

PisaToday è in caricamento