Sabato, 18 Settembre 2021
Politica San Miniato

Morte di Imposimato, quel commento 'sopra le righe' del segretario del Pd: è polemica

Il segretario sanminiatese del Partito Democratico Giglioli ha commentato con una frase offensiva la morte del giudice. Il Movimento Cinque Stelle chiede pubbliche scuse

Ferdinando Imposimato

Una frase offensiva che poco si addice soprattutto ad un rappresentante di un partito politico. E' quella in cui è scivolato Simone Giglioli, segretario del Partito Democratico di San Miniato, che ha commentato in malo modo la morte del giudice Ferdinando Imposimato, avvenuta lo scorso 2 gennaio.
Giglioli ha infatti commentato la notizia della morte con un "Era r........." che ha fatto storcere il naso al Movimento Cinque Stelle e non solo.

morte imposimato commento simone giglioli-2

"Con la morte del dott. Ferdinando Imposimato il nostro Paese ha perso una grande persona di raro esempio morale e di indipendenza intellettuale - scrivono i 'grillini' del Cuoio in un comunicato congiunto - dalla suddetta morte il sentimento che scaturisce è certamente di immensa tristezza ma la politica locale è riuscita a distinguersi nuovamente dando il peggio di sé. Infatti, il segretario del Pd di San Miniato Simone Giglioli ha commentato malamente su Facebook la notizia della morte di Imposimato con una frase che oramai, immortalata in un fermo immagine, circola in rete".

"Non comprendiamo l’uso di un simile linguaggio, soprattutto perché riferito a chi come Imposimato ha combattuto contro la camorra ed il terrorismo ed è stato giudice istruttore nel processo sul rapimento di Moro ed anche nel processo relativo all’attentato a Papa Giovanni Paolo II, a chi come lui ha pagato in prima persona per la sua lotta. Non si può dimenticare che nel 1983 gli fu ucciso il fratello dalla Camorra. Non era una persona qualunque o un politicante da strapazzo, era un esempio per noi tutti - proseguono dal Movimento Cinque Stelle - non comprendiamo linguaggio del Giglioli e non vogliamo neanche comprenderne le motivazioni, ammesso che esistano. Pretendiamo a gran voce ed a nome di tutti sentite e pubbliche scuse!!".

"Un simile comportamento da parte di un rappresentante del Partito Democratico stride con le accuse che essi spesso fanno agli altri partiti e movimenti di essere dispensatori di odio e di non esprimere sistemi valoriali - proseguono i Cinque Stelle di San Miniato, Santa Croce sull'Arno, Montopoli Valdarno e Castelfranco di Sotto - certo a livello locale ci sono esempi di sindaci del suddetto partito che spulciano Facebook per bacchettare gli altri per commenti sopra le righe arrivando anche a sporgere denuncia per i post dei propri cittadini. Invece, le parole del segretario Giglioli stanno passando indisturbate e tutti tacciono al riguardo". "Forse anche questa volta dimostreranno come in realtà siano distanti dai principi che sostengono di avere e con i quali sono soliti giudicare con arroganza gli altri - concludono - onestamente, ci sono politici che si sono dimessi per molto meno. Certo con onestà".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morte di Imposimato, quel commento 'sopra le righe' del segretario del Pd: è polemica

PisaToday è in caricamento