Mercoledì, 29 Settembre 2021
Politica

Partecipazione e confronto, i gruppi di minoranza: "Il Comune non ascolta i cittadini"

I capigruppo di PD, Movimento 5 Stelle e Diritti in Comune chiedono di coinvolgere la cittadinanza sul tema degli istituti partecipativi

"Sugli istituti della partecipazione non siamo disponibili a colpi di mano da parte della giunta e della maggioranza". sono le parole con le quali Matteo Trapani (capogruppo PD in Consiglio comunale), Francesco Auletta (capogruppo Diritti in Comune), Antonio Veronese (capogruppo Patto Civico) e Gabriele Amore (capogruppo M5S) si rivolgono alle forze di maggioranza sul tema della partecipazione, del confronto e del coinvolgimento della popolazione nei processi politici. 

"In questi tre anni la giunta ha preso decisioni senza mai ascoltare e confrontarsi con i cittadini - proseguono i capigruppo di minoranza - e arrivando in alcuni a scelte assunte a dare colpe ad altri (da ultimo la questione antenne, il doppio senso in via Cattaneo, importanti delibere urbanistiche e sulla mobilità). Pur avendo tra noi idee e proposte differenti sull’argomento, da due anni chiediamo che l’argomento della partecipazione e delle forme comunali in cui questa si articola, a partire proprio dalla questione dei Consigli territoriali di partecipazione, venga discusso in Consiglio comunale".

"Il confronto è la base della partecipazione - si legge nel comunicato - invece la Giunta si è sempre opposta a questa richiesta in quanto la maggioranza è stata sempre divisa, e il balletto di proposte e controproposte mai però formalizzate ne è stata la dimostrazione". "La modifica del programma di mandato sulla questione della partecipazione, dopo due anni dalle elezioni, alla luce della mancanza di qualsiasi visione su un tema così importante, è tragicomico e grave quasi quanto l'eventuale commissariamento" accusano Trapani, Auletta, Veronese e Amore.

"Il rischio concreto è ancora una volta che non si discuta e che soprattutto non si apra un confronto con la città procedendo a tappe forzate sulla base non di una proposta incentrata sul merito del tema ma solo sugli equilibri interni alla maggioranza e su qualche posto da assegnare per levare i mal di pancia. Abbiamo quindi chiesto che si faccia un Consiglio comunale urgente sulla questione degli istituti partecipativi e che si renda pubblico il dibattito senza forzature, ma avviando un vero processo di partecipazione nei quartieri, nei comitati, tra le associazioni".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Partecipazione e confronto, i gruppi di minoranza: "Il Comune non ascolta i cittadini"

PisaToday è in caricamento