Politica

Consiglio Comunale: approvato il bilancio consuntivo

E' passato come previsto con il voto compatto della maggioranza il bilancio del 2014, che conferma la riduzione dell'indebitamento di altri 5 milioni. Fra i vari dettagli si registra un recupero dall'evasione fiscale ed un aumento degli investimenti

Una maggioranza compatta, con 18 voti a favore e 8 contrari, ha approvato il bilancio consuntivo 2014 nella seduta di ieri del Consiglio Comunale. Non sono mancati elementi di critica, come l'uscita dall'aula per protesta dei consiglieri Ciccio Auletta (Una Città in Comune-Prc), Stefano Landucci (gruppo misto), Armando Paolicchi (gruppo misto) e Simonetta Ghezzani (Sel). Contrari Forza Italia, M5S e Noi Adesso Pis@, favorevoli Pd, In lista per Pisa e Riformisti.

Soddisfatto Filippeschi: "Abbiamo ridotto l’indebitamento di 5 milioni, sul bilancio il Comune di Pisa tiene un ritmo che molti comuni, piccoli o grandi, vicini o lontani, non riescono ad avere". "Abbiamo mantenuto – spiega – una linea di investimenti sul recupero della città. Mettiamo tutti gli oneri dell'urbanizzazione in investimenti. C'è stato un recupero dell'evasione fiscale oltre ogni previsione che, insieme ad un'alta capacità di riscossione, permette un allentamento del patto di stabilità e quindi più investimenti. Dobbiamo usare questi risultati per allungare la lista dei progetti di crescita della città".

Questi alcuni dei punti salienti:
– Riduzione dell’indebitamento: riduzione rispetto all’anno precedente 2013 di 5 milioni di euro (da 44 milioni a 39)
– Recupero evasione fiscale: recupero superiore a quanto previsto di 1.367.000. In particolare. Tassa di soggiorno 440mila euro. Cosap (passi carrabili) 669mila euro. Ici 258mila. Totale: 1 milione e 367mila euro
– Avanzo di Amministrazione: dopo gli accertamenti previsti dalla nuova normativa sulla contabilità, risulta essere di 4.218.434 euro armonizzata
– Tutti gli oneri di urbanizzazione e la metà delle multe sono stati destinati ad investimenti pari a 2.7 milioni di euro
– Il Comune è stato contribuente netto (ha trasferito allo Stato) oltre un miliardo di euro (1.077.000)

"Tutta la città – ha concluso Filippeschi – deve essere unita su alcuni obiettivi come, ad esempio, il recupero del complesso scolastico Marchesi, la tangenziale nord est, Pisa mover, la velocizzazione della ferrovia Pisa-Firenze, il completamento delle opere sullo scolmatore dell’Arno e la necessità di altri finanziamenti per Montacchiello e per il litorale".

Discusse nel Consiglio anche altre questioni. Al question time del consigliere Maurizio Nerini (Noi Adesso Pis@) sul "perché non è stato concesso l’uso del cosiddetto 'carrellino' del Gioco del Ponte per Sant‘Ubaldocome richiesto dalla magistratura di San Michele", ha risposto l'assessore Eligi: "Il carrellino non è dell’Amministrazione Comunale". All'interpellanza di Ciccio Auletta sul trasferimento del personale dalla Provincia al Comune sempre Eligi ha spiegato che "sulla base del nostro piano per le assunzioni possiamo, tra le varie misure, attivare anche delle mobilità". Sul Palazzetto dello Sport, sempre su interpellanza di Auletta, Serfogli ha detto che si sta "lavorando perché possa essere riaperto al più presto, quanto meno nella sua capienza minima".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consiglio Comunale: approvato il bilancio consuntivo

PisaToday è in caricamento