Consiglio comunale: la guerra in Siria al centro della seduta

Un minuto di silenzio in memoria di Hevrin Khalaf, la donna curda uccisa la scorsa settimana, e poi quattro mozioni e un ordine del giorno

La vicenda della guerra in Siria arriva in Consiglio Comunale. Martedì prossimo, 22 ottobre (dalle 14,30, Sala delle Baleari), i consiglieri comunali voteranno, su questa guerra, ben 4 mozioni e un ordine del giorno oltre ad osservare un minuto di silenzio, che si terrà all'inizio dei lavori, in memoria di Hevrin Khalaf, la giovane donna curda, paladina dei diritti umani, uccisa dopo essere stata violentata e lapidata, in Siria, la scorsa settimana.

La prima e la seconda mozione, presentate dal consigliere Francesco Auletta (Diritti in comune), chiedono, tra l’altro, di “dare immediata attuazione al Patto di amicizia sottoscritto dal Comune di Pisa con la municipalità di Darik/Al Malikiyah a partire dalla individuazione di forme concrete di sostegno e di aiuto alla popolazione civile duramente colpita dalla aggressione turca”.

La terza mozione, presentata dal Consiglio Cittadino per le pari opportunità del Comune di Pisa (la presidente è Silvia Silvestri), invita, invece,  “tutte le istituzioni democratiche e i cittadini a far sentire la loro voce contro questa aggressione ed auspica che l’Unione Europea vi si opponga e difenda i diritti umani e i principi democratici con la stessa fermezza e determinazione che dimostra in altri campi delle relazioni economiche e politiche internazionali”.   

La quarta mozione, infine, presentata da tutti i capigruppo consiliari sia di maggioranza (Lega, Noi adesso Pis@-Fdi, Pisa nel cuore, Forza Italia e Gruppo misto) che di opposizione (Diritti in comune, M5S, Pd e Lista civica) su invito di Soroptimist di Pisa (è un'organizzazione di servizio volontario a livello mondiale di donne per migliorare la vita delle donne stesse)  chiede di far proprie le richieste delle donne curde, come, ad esempio, “la fine dell’invasione e dell’occupazione della Turchia nella Siria del nord, l’istituzione di una No-Fly zone per la protezione della vita della popolazione nella Siria del nord e dell’est, di prevenire ulteriori crimini di guerra e la pulizia etnica da parte delle forze armate turche, di garantire la condanna di tutti i criminali di guerra secondo il diritto internazionale e di fermare la vendita di armi in Turchia”.

I consiglieri comunali, inoltre, voteranno anche un ordine del giorno - primo firmatario il consigliere Matteo Trapani (Pd) - che, tra l’altro, chiede al sindaco di Pisa, Michele Conti, di “farsi promotore di una posizione condivisa nella prossima assemblea nazionale dell’Anci (Associazione nazionale dei comuni italiani) di sostenere ogni iniziativa  che le Regioni e gli altri Comuni volessero intraprendere”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piena dell'Arno e maltempo: la diretta della giornata

  • Passano la piena e la paura: Arno in calo LA DIRETTA

  • Arno a Pisa, il sindaco: "Piena contenuta dalle spallette"

  • Piena dell'Arno a Pisa: negozi chiusi dalle 18.30, lunedì scuole chiuse

  • Piena dell'Arno: attivata la procedura di sicurezza, lungarni chiusi

  • Muore a 29 anni farmacista pisana affetta da Sla

Torna su
PisaToday è in caricamento