Amazon a Ospedaletto, Diritti in Comune: "Consumo di suolo e sfruttamento"

Il deposito e centro di smistamento criticato dal gruppo consiliare di sinistra: "Non può dunque non avere ripercussioni negative sull'economia locale"

L'apertura di un deposito e centro smistamento Amazon nella zona di Montacchiello, nel comune di Pisa, fa ancora discutere. A rilanciare il tema, su vari profili, è il gruppo consiliare 'Diritti in Comune', composto da Una città in comune, Rifondazione Comunista e Pisa Possibile.

"L'area interessata, di proprietà della Forti Holding, è di circa 30mila metri quadrati - valuta la lista - un'area quindi molto vasta per un magazzino il cui bacino di utenza, comprendente le province di Pisa, Livorno, Lucca, Massa, La Spezia e la zona di Empoli, è calcolato intorno a 2,5 milioni di persone.La notizia è arrivata a mezzo stampa, mentre negli ambienti comunali, che dovrebbero rilasciare a breve il permesso a costruire, trapela poco o nulla. A nostre precise richieste di informativa, l'Ufficio urbanistica ci ha risposto che al momento 'non risultano depositate pratiche relative ad un possibile insediamento di Amazon in Ospedaletto'. I lavori in corso nella zona interessata, sempre a detta dell'Ufficio, sono in capo alla Ditta Forti Sviluppo Immobiliare, per opere di urbanizzazione. Nei fatti, in un'area in cui sono presenti migliaia di metri cubi abbandonati e vuoti, anche a causa della crisi, si costruisce, senza mai aver fatto un monitoraggio di quanto non è utilizzato, un nuovo mega scatolone alla faccia del consumo di suolo e della sostenibilità ambientale".

L'apertura sarebbe prevista nell'estate 2020 e le assunzioni sarebbero 200. "Ma di quale tipo di lavoro parliamo? - Rilancia Diritti in Comune - non possiamo tacere e sorvolare, infatti, sul modello di organizzazione del lavoro che Amazon ha sdoganato in tutto il mondo. Un'organizzazione del lavoro fatta di ritmi stressanti e di un controllo giornaliero costante. In nome della produttività e del profitto, le persone che vi lavorano si trovano, ogni giorno, a smistare 15/20mila pacchi e a percorrere dai 10 ai 20 chilometri, in spazi grandi fino a 12 campi di calcio. Costretti a non parlare con nessuno durante l'orario di lavoro e a giustificarsi se vanno in bagno più di una volta nello stesso turno. Il tutto costantemente monitorato dal 'Grande Fratello' aziendale: chi fa i pacchi è monitorato perché loggato a un computer, mentre chi va a prenderli usa uno scanner su cui si registra con il suo nome. Insomma, è come avere al polso un braccialetto elettronico. Ma del resto i manager devono poter calcolare con precisione i tempi di lavoro, perché se non si ha il 'passo Amazon' si viene immediatamente affiancati da un responsabile che detta i tempi corretti per rientrare negli standard".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Insiste il gruppo: "E' bene quindi essere chiari: l'organizzazione del lavoro dentro Amazon, basata sullo sfruttamento di lavoratori e lavoratrici, a cui vengono sottratti anche i diritti più elementari, a fronte di profitti che nel quarto trimestre del 2019, sono saliti dell'8%, raggiungendo 3,27 miliardi di dollari anche grazie alla possibilità ex lege di pagare per imposte meno del 3% dei ricavi allo Stato italiano, è l'esempio più noto e lampante di quel modello. Un modello dannoso anche per il nostro pianeta, in piena emergenza climatica: ogni pacchetto viene trasportato fino a destinazione da un furgone che brucia combustibili fossili. Un modello che non può dunque non avere ripercussioni negative sull'economia locale e pertanto il Comune di Pisa non può fare finta di niente e non valutare questi aspetti, quando un colosso come Amazon prova ad insediarsi all'interno del territorio comunale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 28 anni in un incidente in moto in autostrada

  • Colta alle spalle e rapinata di notte in via Notari: due arresti, si cerca il terzo

  • Incidente stradale lungo l'Aurelia: un morto e tre feriti

  • Ragazza investita a Marina di Pisa: arrestato il pirata della strada

  • In arrivo piogge e temporali in Toscana: emessa allerta meteo

  • Coronavirus in Toscana, 10 nuovi casi: 3 in più nel pisano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento