Politica

Decreto Milleproroghe, Ciampi e Ceccanti: "In una sola votazione tagliati i fondi destinati alla riqualificazione di Pisa"

I due deputati del Partito Democratico commentanto il decreto che giovedì ha avuto l'ok alla Camera

Gli onorevoli Lucia Ciampi e Stefano Ceccanti

Avrebbero voluto intervenire in aula ma la fiducia alla Camera posta dal Governo sul Decreto Milleproroghe "ha impedito di fatto la discussione su questo importante provvedimento che tra l’altro, ci preme ricordarlo, prorogherà la bella trovata delle autocertificazioni sulle vaccinazioni per la scuola primaria, taglierà i fondi al Decreto periferie approvato nella scorsa legislatura e anche le risorse previste per il Mezzogiorno".

Ad intervenire sul provvedimento che ieri, giovedì 13 settembre, è stato approvato alla Camera sono i deputati del Partito Democratico Lucia Ciampi e Stefano Ceccanti che sottolineano la perdita delle risorse che sarebbero servite per riqualificare l'area stazione a Pisa.

Decreto Milleproroghe: cosa c'è nel provvedimento

"Peccato non è stato possibile il nostro intervento perché avremmo volentieri raccontato ai cittadini pisani come in una votazione siano stati cancellati 43 milioni di euro destinati alla città che avrebbero consentito di portare avanti opere quanto mai essenziali per riqualificare la periferia di Pisa - sottolineano Ciampi e Ceccanti in una nota - la convenzione relativa al progetto 'Binario 14-Sostenibilità e socialità' ed i relativi finanziamenti è stata quindi revocata; una decisione arbitraria che danneggia la popolazione e la periferia della città, e penalizza conseguentemente progettisti e imprese con cui il Comune ha contrattualizzato degli impegni".

"Il progetto aveva come obiettivo la riqualificazione del quartiere della stazione e del quartiere San Giusto, aree che hanno come fulcro comune lo scalo ferroviario ed era composto da tre assi strategici - spiegano Ciampi e Ceccanti - il primo era denominato 'social house' e si poneva l'obiettivo di rigenerare il villaggio popolare San Giusto, comprendeva la realizzazione di 24 alloggi di edilizia residenziale pubblica, il recupero di 16 fabbricati, la costruzione di parcheggi pertinenziali, sperimentando quindi un modello di animazione di comunità da esportare poi agli altri quartieri popolari della città; il secondo asse strategico era chiamato 'arcipelago' e comprendeva interventi mirati di riqualificazione degli spazi limitrofi alla stazione. L'obiettivo era attivare servizi ed interventi che favoriscano l'integrazione dei cittadini e rafforzino la loro sicurezza con nuovi modelli di welfare di comunità prevedendo anche l'istituzione di un presidio delle forze dell'ordine. Infine - proseguono i due parlamentari - il terzo asse strategico dal nome 'binario 1-13', era esteso anche alle zone limitrofe e assicurava la sicurezza idrica di Pisa sud, oltre al recupero di spazi urbani pubblici ad uso civico e ricreativo. Erano parte integrante del progetto complessivo, che prevedeva anche la realizzazione di piazze e parchi urbani ed interventi per la 'mobilità sostenibile', due protocolli d'intesa che da una parte chiamano in causa le Ferrovie e dall'altra Pisamo, Apes e Società della Salute".

"Il valore finanziario complessivo della spesa per investimenti destinata a questo progetto ammontava a 43.423.668 euro. Cifra che è stata cancellata nell’arco di una votazione con la fiducia imposta dal Governo al decreto Milleproroghe - concludono Ciampi e Ceccanti - questo è quello che leghisti e pentastellati stanno facendo per la nostra città nel silenzio più totale dell’amministrazione comunale pisana. Immaginiamo che per qualunque pisano sarà difficile ringraziarli per il loro brillante ‘lavoro’”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Decreto Milleproroghe, Ciampi e Ceccanti: "In una sola votazione tagliati i fondi destinati alla riqualificazione di Pisa"

PisaToday è in caricamento