Politica

Pisa e le sue strade, Una città in Comune: "Chiediamo un dibattito pubblico a partire dal caso D'Achiardi"

Il capogruppo Francesco Auletta chiede maggiore attenzione nell'intitolazione di vie e parchi cittadini

"Quando si sceglie di dare il nome di una persona a una via o a una piazza si fanno sempre i conti con il passato e con i valori che questa persona rappresenta": è l'incipit del comunicato con il quale Una città in Comune propone un dibattito sulle procedure necessarie all'intitolazione di vie e parchi cittadini. "Aderiamo alla proposta di sostituire il nome di Giovanni D'Achiardi con quello di Raffaello Menasci, promossa dal comitato 'San Rossore 1938', con l'adesione della Comunità ebraica, dell'Anpi e dell'Associazione ex deportati - prosegue la nota firmata dal capogruppo Francesco Auletta - la appoggiamo pubblicamente e con convinzione. D'Achiardi nella fase matura della sua esistenza si è reso responsabile dell'applicazione nell'Università di Pisa delle leggi razziali, e quindi dell'allontanamento di 290 studenti stranieri, numerosi studenti italiani, 20 docenti. I molti meriti scientifici dell'ex rettore e podestà vengono in secondo piano di fronte a questa gravissima responsabilità. E' giusto che tra i valori rappresentati dai nomi delle vie pisane abbia invece il suo posto Menasci, nato a Livorno e docente all'Università di Pisa, che dopo aver perso il posto fu deportato ad Auschwitz con il figlio. Vogliamo che le strade della nostra città diano voce alle vittime dell'Olocausto, non ai suoi esecutori, non ai carnefici".

Il comunicato prosegue: "La storia però non deve essere cancellata, lo ha ricordato bene Michele Battini sulle pagine del Tirreno. Chiediamo che la vicenda di D'Achiardi sia comunque ricordata: la storia umana è anche un repertorio di viltà e di infamie da non dimenticare. Oggi, studiando il caso di chi applicò le leggi razziali nella nostra città, il coraggio di dire di no alle leggi ingiuste può diventare un valore da proporre alla cittadinanza. Ogni legge ingiusta, ogni sistema iniquo produce delle vittime: l'Olocausto ce lo ricorda e ci invita ad attualizzarne l'insegnamento. Per questo riteniamo necessario che un'eventuale sostituzione di nome sia accompagnata da iniziative che portino all'attenzione pubblica il senso storico di queste scelte. Non si può correre il rischio di cancellare con il nome di una via una vicenda vergognosa che ci chiama tutti in causa".

"Con lo stesso impegno etico vogliamo porre l'attenzione su altri casi che riguardano la storia della nostra città. A Pisa ancora oggi non esiste una strada né una piazza intitolata a Franco Serantini - sottolinea Auletta nella nota - la cui uccisione da parte dello Stato venne nascosta in maniera ignobile. La vicenda ha sconvolto la città e l'ha segnata per sempre. L'anno prossimo ricorrono i 50 anni da quell'episodio: non si può attendere oltre l'intitolazione di una strada o di una piazza al nome di Serantini. Esiste invece una rotonda intitolata a Giuseppe Niccolai, che nulla ha fatto per la città di Pisa se non una violenta propaganda neofascista a favore del ritorno del regime di Mussolini. Le parole di odio antidemocratico e di intolleranza che Niccolai pubblicava su 'Il Machiavelli', il suo giornale, sono inequivocabili. Anche quella rotonda per noi è una vergogna".

Una città in Comune conclude: "Ci piacerebbe aprire un dibattito serio, informato, per riflettere sull'odonomastica cittadina e sulla piega che questa sta prendendo negli ultimi anni. La proposta fatta dalla destra per una via intitolata a Norma Cossetto, dopo che già il PD aveva dedicato una rotonda ai 'Martiri delle Foibe', ci preoccupa. Il dibattito per i nomi delle strade è un dibattito su come fare i conti con il passato. Ci auguriamo che il caso D'Achiardi possa essere l'occasione giusta per aprire questo dibattito in maniera consapevole ed equilibrata".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pisa e le sue strade, Una città in Comune: "Chiediamo un dibattito pubblico a partire dal caso D'Achiardi"

PisaToday è in caricamento