Dimissioni Cerri, il consigliere Mazzeo: "Ci ripensi"

Antonio Mazzeo, dopo le accuse dell'ex segretario del Pd, interviene chiedendo a Cerri di tornare sui propri passi

Un intervento senza polemica proprio da colui verso cui l'ormai ex segretario provinciale del Partito Democratico Fabrizio Cerri ha puntato il dito, accusandolo di interferenze con il suo ruolo di segretario provinciale, ovvero il consigliere regionale del Pd Antonio Mazzeo.
Se in un primo momento Cerri sembrava pronto ad un ripensamento, ora la sua decisione è diventata irrevocabile, ma Mazzeo chiede di tornare sui propri passi.
"L'ho detto qualche giorno fa in maniera pubblica e lo ribadisco con grande sincerità: spero che Fabrizio Cerri possa ritirare le sue dimissioni perché questo non è il momento delle divisioni interne e delle discussioni a mezzo stampa o sui social - afferma Mazzeo - dopo l'emergenza Covid le famiglie e le imprese chiedono risposte sulla scuola, sulla cassa integrazione, sulle tasse, sulla sanità, ogni giorno viviamo sul nostro territorio più che altrove l'incapacità governativa della Lega e vorrei che il Partito Democratico spendesse tutte le sue energie a occuparsi solo e soltanto di questo. A differenza di chi mi ha rivolto attacchi personali anche pesanti, non ho intenzione di fare la minima polemica. L'unica cosa che chiedo è che possano essere convocati gli organismi del partito in modo da poter discutere e confrontarci lì, e non altrove, sul lavoro da fare tutti insieme per rendere Pisa sempre più centrale nelle politiche regionali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, "Toscana da domenica zona arancione"

  • Nuovo Dpcm, più libertà per gli spostamenti tra comuni: le proposte dalla Toscana

  • Più spostamenti in un comune diverso: ordinanza regionale in vista della zona arancione

  • Dpcm Natale 2020, il decreto legge che vieta gli spostamenti tra regioni e comuni

  • Comune di Pisa: nuovi bandi per assumere un falegname, un elettricista e un agronomo

  • "Pronto Polizia, non abbiamo più niente da mangiare", e gli agenti donano due pizze

Torna su
PisaToday è in caricamento