Serfogli a Porta a Lucca: "Sarà risolto il problema degli allagamenti"

Il candidato sindaco per il centrosinistra annuncia anche l'intenzione di installare la videosorveglianza. Tappa anche a I Passi

L’agenda di Andrea Serfogli ha toccato ieri, 22 maggio, i quartieri di Porta a Lucca e de I Passi. “Quartieri che - precisa il candidato a sindaco di Pisa per il centrosinistra - non devono sentirsi esclusi dal cuore pulsante della città, perché, ripeto, non esistono periferie. Porta a Lucca presenta delle criticità per quel che riguarda la sicurezza idraulica e infatti annuncio nei prossimi giorni che partiranno i lavori, per un totale di 2,4 milioni di euro, per risolvere una volta per tutte il problema degli allagamenti, uno dei più sentiti della zona. In estate sarà completato il progetto del terzo lotto, poi via ai lavori. Il percorso di confronto con il comitato è stato importantissimo, direi decisivo". 

"Per la sicurezza urbana prevediamo l’installazione della videosorveglianza anche qui - prosegue Serfogli - assieme all’aumento dei vigili urbani nel quartiere, il percorso verso una sicurezza integrata e diffusa continua con successo".

"Una proposta che ritengo importante è la sostituzione dei pini di viale Giovanni Pisano con essenze arboree meno invasive e il rifacimento della pista ciclabile, mentre è già stato finanziato ed è in programma il prolungamento della pista ciclabile del viale fino a via Falcone e Borsellino, con la realizzazione di una rotatoria tra viale Giovanni Pisano, largo Duca d’Aosta e via Fratelli Rosselli - aggiunge l'attuale assessore ai Lavori Pubblici - un intervento importante per la qualità della viabilità del quartiere, che si unisce all'intervento sull'illuminazione della pista ciclabile in via XXIV Maggio e via Tino di Camaino".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il quartiere de I Passi - conclude Serfogli - deve tornare a sentirsi parte integrante della città, e non vissuto come un quartiere dormitorio o di passaggio. Migliorare e favorire la creazione di luoghi di aggregazione è il primo passo verso la ripopolazione del quartiere in tutte le ore del giorno, favorendo l’apertura di nuove attività. A breve, infine, i lavori di riqualificazione del quartiere grazie ai finanziamenti del Piu”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'ospedale Cisanello si prepara al picco: "E' previsto nel prossimo fine settimana"

  • Coronavirus: muore studente universitario di 30 anni

  • Coronavirus: 265 nuovi casi positivi, 19 morti in 24 ore

  • Trovato morto in Austria: avviate le indagini

  • Coronavirus: 254 nuovi casi in Toscana, 3.226 i contagi 

  • Coronavirus e commercio: dichiarato lo sciopero per punti vendita e supermercati

Torna su
PisaToday è in caricamento