menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Betti nuovo sindaco di Cascina: gioisce il centrosinistra

Vari esponenti e compagini politiche si complimentano con il candidato per la vittoria elettorale

Cascina è tornata al centrosinistra con la vittoria di Michelangelo Betti al ballottaggio, dopo la tornata elettorale del 4 e 5 ottobre. L'elezione era molto seguita da personalità, partiti e gruppi politici, che via via si congratulano per il risultato.

Il consigliere regionale Antonio Mazzeo: "Oggi, dopo 4 anni, Cascina ha finalmente e definitivamente voltato pagina e messo la parola fine alla parentesi leghista di chi voleva usare la città solo e soltanto per le proprie ambizioni personali. Con la bellissima vittoria di Michelangelo Betti e della coalizione di centrosinistra le cittadine e i cittadini tornano finalmente al centro dell'attenzione ma, soprattutto, al governo della città va una classe dirigente nuova composta da tante ragazze e tanti ragazzi che hanno fatto una campagna elettorale semplicemente straordinaria. Dopo il voto delle Regionali di 15 giorni fa, anche da questo ballottaggio esce un messaggio forte e chiaro: il governo della Lega sul territorio è stato sonoramente bocciato e gli elettori hanno premiato le energie nuove che il Partito Democratico è stato in grado di proporre, lanciare e valorizzare. Credo sia un messaggio bellissimo da cui ripartire, tutti insieme, per dare sempre più forza al nostro territorio e preparare al meglio la sfida del 2023 in cui tornare al governo anche della città di Pisa".

Sulla stessa lunghezza d'onda la consigliera regionale Alessandra Nardini: "Questa è una vittoria importante, addirittura simbolica, una vittoria a cui ho sempre creduto e per la quale, dalla sconfitta di 4 anni fa, ho sempre cercato di dare una mano. Grazie a Michelangelo Betti e a tutta la squadra che ha reso possibile questo risultato". Parla di una "attitudine al confronto di Michelangelo e per il nuovo corso del Pd, un partito che ha abbandonato l'idea della chiusura e dell'autosufficienza. E' una vittoria che fa davvero bene: fa bene a Cascina, che riavrà un'Amministrazione seria, orientata al futuro e alla modernità, che si occuperà finalmente non delle carriere dei singoli, ma delle necessità concrete delle cittadine e dei cittadini; fa bene a tutta la provincia, che ora può contare su un nuovo impulso da Cascina, dopo gli anni di isolamento e malgoverno della Lega; fa bene al centrosinistra, che con sempre maggiore unità è chiamato qui e in Regione a importanti prove di Governo e che deve ora mostrare modestia, capacità di ascolto, coesione e di aver imparato dagli errori del passato. A Cascina, quattro anni fa, si è aperta la stagione delle sconfitte, del tentato assalto leghista ai simboli e ai valori profondi della Toscana. Quell'assalto è fallito e quella stagione vede oggi l'inizio del proprio inesorabile tramonto. Adesso rimbocchiamoci le maniche, lavoriamo bene e, dopo Cascina, riusciremo anche a liberare Pisa dal peso di un'Amministrazione inconcludente e senza progetti".

Italia Viva Pisa torna anche sulla polemica con i 5 Stelle: "Il grande scarto nei confronti del centrodestra conferma, come da noi sottolineato, che non ci fosse bisogno di un apparentamento forzato ed a nostro avviso innaturale della coalizione originaria con la lista dei 5 Stelle. Detto questo però, da parte nostra non possiamo che fare a Michelangelo i migliori auguri per un lavoro fruttuoso a favore di una città che ne ha disperatamente bisogno dopo essere stata utilizzata per 4 anni come trampolino di lancio per incarichi politici e mai veramente amministrata. Siamo certi che il nuovo sindaco, che la città la conosce e la ama, saprà fare in modo che il ritardo accumulato nello sviluppo cittadino in questi anni, venga prontamente recuperato e Cascina possa essere, come merita, un punto di riferimento nella provincia in quanto a buona amministrazione; Italia Viva inizia a Cascina il proprio lavoro che, speriamo, possa trovarci in futuro a percorrere la stessa strada".

"Un bellissimo risultato - dice l'onorevole Lucia Ciampi - soprattutto per i cascinesi, che potranno nuovamente contare su un primo cittadino serio, competente, attento più alle esigenze dei propri abitanti piuttosto che alle vicende romane o ad ambizioni personali. Il divario tra Michelangelo e il candidato del centro destra dimostra come Cascina abbia voluto svoltare a sinistra".

Ha commentato l'elezione anche l'ex governatore della Toscana Enrico Rossi: "Cascina, la città Toscana conquistata 4 anni fa da Susanna Ceccardi che Salvini avrebbe voluto presidente della Regione, è stata riconquistata dalle forze di sinistra e democratiche, unite a sostegno del sindaco Michelangelo Betti. Penso a compagni che purtroppo ci hanno lasciato, come Carlo Cacciamano e Gino Nunes, che con il loro impegno hanno dato un grande contributo allo sviluppo moderno e solidale di questa città alle porte di Pisa. Anche nel loro nome la città con la guida di Betti ritroverà la sua strada democratica e civile che sempre l’ha contraddistinta negli ultimi decenni".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Covid, la Toscana passa in zona arancione

  • Eventi

    I film in uscita ad aprile su Amazon Prime Video

Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento