Mercoledì, 17 Luglio 2024
Elezioni comunali 2023

Aeroporti, Del Rosso (FdI): "PD pisano in ritardo su pericolosità del potenziamento di Petetola"

La candidata al Consiglio comunale sottolinea le colpe del centrosinistra cittadino e regionale riguardo al 'disimpegno pubblico' sul 'Galilei'

"Soltanto adesso il PD pisano si è accorto che il potenziamento di Peretola è pericoloso per il Galilei? Leggendo le dichiarazioni di Bruni (Giovani Democratici), colpisce lo stupore da questo punto di vista. La privatizzazione dello scalo, e quindi la perdita da parte dei cittadini toscani e pisani del controllo sul proprio scalo, è stata voluta, attuata e coordinata dal PD, con Renzi e Rossi in testa, ma tutti hanno avuto un ruolo nel disimpegno pubblico. La chiamano 'fusione' per nascondere una realtà che non è molto di sinistra" dichiara Elena Del Rosso, candidata di Fratelli d’Italia per il Consiglio comunale di Pisa.

"Quando Bruni accusa 'Michele Conti e parte della politica fiorentina', si dimentica di citare che 'la politica fiorentina' è proprio quella del suo partito, che più di altri desidera questo ampliamento. Quando dice che la Regione 'ha fatto tanto per la mobilità sul territorio' forse si riferisce alla tramvia di Firenze, non certo ai collegamenti ferroviari da e per la costa, né all'autostrada Tirrenica, chimera sacrificata, quella sì, sull’altare della 'mobilità sostenibile', che per il partito di Bruni sono concetti che funzionano meglio tanto più si allontanano dagli interessi del capoluogo regionale" sottolinea Del Rosso.

"Siamo d’accordo con Bruni - spiega Del Rosso - quando afferma che 'la Toscana ha il suo aeroporto a Pisa', ma lo dovrebbe ricordare in primis al 'suo' presidente regionale, che al contrario sostiene lo sviluppo e la 'strategicità' di quello di Firenze, poiché è scalo del capoluogo di regione. Concetto che non si è applicato in passato, quando, giustamente vista la posizione e l’estensione, strategico era il 'Galilei'. Dobbiamo sentire ex segretari del PD che sostengono in Parlamento che 'se Firenze non si sviluppa, Pisa è finita'. Senza spiegare come un aeroporto da 2,5 milioni di passeggeri possa 'trainare' quello da 5. Consigliamo Bruni di riportare tali critiche in seno al suo partito, come primo e unico responsabile di questa situazione, avendo anche erogato per il 'sostegno ai lavoratori' 10 milioni di euro di fondi pubblici alla società di gestione, che ha poi distribuito un buon dividendo (7 milioni di euro) ai propri azionisti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aeroporti, Del Rosso (FdI): "PD pisano in ritardo su pericolosità del potenziamento di Petetola"
PisaToday è in caricamento