rotate-mobile
Sabato, 13 Aprile 2024
Elezioni comunali 2023

Servizi educativi, Martinelli: "Solidarietà alle lavoratrici in sciopero, aumenteremo le risorse"

Il candidato del centrosinistra attacca le politiche dell'amministrazione e promette "investimenti nella programmazione e nel coordinamento pedagogico"

"Voglio esprimere solidarietà e vicinanza alle lavoratrici in sciopero dei servizi di nidi e scuole dell'infanzia del Comune di Pisa. Questa vicenda conferma purtroppo la disattenzione e la mancanza di investimento strutturale dell'attuale amministrazione nei servizi educativi, nel diritto allo studio e all'educazione e nei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori".

A dichiararlo è il candidato sindaco del centrosinistra Paolo Martinelli, che prosegue: "Abbiamo un'idea di città radicalmente diversa, in cui in settori così strategici non si ragiona al ribasso e senza visione. Per questo aumenteremo le risorse destinate ai servizi, dai nidi all'università, sosterremo concretamente i percorsi educativi come leva per combattere le disuguaglianze, apriremo le scuole come luoghi di socialità anche oltre l'orario delle lezioni, metteremo in campo percorsi di valorizzazione di tutto il personale attivo nei servizi educativi, investiremo nella programmazione e nel coordinamento pedagogico. La città di tutte e di tutti - conclude Martinelli - si inizia a costruire dalle sue fondamenta, ossia da nidi, scuole dell'infanzia e scuole, gli spazi dove crescono le cittadine e i cittadini del futuro e dove operano preziose professionalità che meritano di meglio".

Rincara anche Emilia La Croce, candidata della lista civica La città delle persone - con Paolo Martinelli sindaco: "Esprimiamo tutta la nostra solidarietà e il nostro sostegno alle lavoratrici dell’appalto Servizi diversi dall’educativo dei Nidi e delle Scuole dell’Infanzia del Comune di Pisa, che svolgono un lavoro prezioso e fondamentale per le nostre bambine e i nostri bambini, e che si ritrovano gravemente danneggiate da meccanismi di appalto che non mettono al centro le persone. Nessuna soluzione è stata ad oggi trovata dall’amministrazione Conti. Questo tassello completa purtroppo una preoccupante situazione in cui versa il settore educativo della nostra città anche a causa dei lavori previsti in ben 5 strutture. La città che abbiamo in mente avrà al centro politiche educative e servizi di qualità, tutela del personale e valorizzazione delle professionalità, perché tutta la città sarà la comunità educante delle nostre bambine e dei nostri bambini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Servizi educativi, Martinelli: "Solidarietà alle lavoratrici in sciopero, aumenteremo le risorse"

PisaToday è in caricamento