rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Elezioni comunali 2023

Una Città in Comune all'attacco: "La politica museale gira a vuoto per colpa del centrodestra"

Il gruppo guidato dal candidato sindaco Ciccio Auletta sottolinea le criticità della gestione Conti e propone interventi e strategie differenti

Una Città in Comune si dirige a passo di carica contro la gestione della rete culturale e museale cittadina condotta dall'amministrazione negli ultimi cinque anni. "A fine mandato la giunta Conti presenta l'esito del tanto 'atteso' progetto 'PPM-Pisa Percorsi Museali' come una risposta all'assenza di una rete tra i musei pisani". Il gruppo guidato da Ciccio Auletta spiega: "Il percorso turistico 'collega virtualmente, attraverso PISigns, tutti i musei cittadini con itinerari tematici arricchiti da realtà aumentata', come recita il comunicato stampa sul sito del Comune. Il costo complessivo dell'operazione è pari a circa 25.000 euro, ottenuti attraverso un bando della Regione Toscana. Il risultato si riassume in una mappa incomprensibile che imita l'intreccio di linee di metropolitana, in una serie di manifesti muniti di un minuscolo QRcode che rimanda a un sito dalla struttura obsoleta che contiene informazioni storico artistiche di livello elementare in sola lingua italiana. In più una pagina Facebook e Instagram senza grandi sorprese".

"L’obiettivo - prosegue Una Città in Comune - è quello di creare 'sinergie' per la tutela e conservazione e la valorizzazione e promozione dei beni culturali della comunità pisana, a beneficio sia dei cittadini che dei turisti. Peccato che di una vera collaborazione tra istituzioni non ci sia traccia: questo progetto di pura facciata cerca di coprire la totale assenza di coordinamento nella gestione dei musei della città e l'assoluta mancanza di una strategia e regia pubblica da parte del Comune".

"La nostra proposta è chiara e concreta. Il sistema museale pisano ha enormi potenzialità che finora non sono state adeguatamente valorizzate.Il turismo mordi e fuggi della Torre ha concentrato tutta l’attenzione dei visitatori solo su una porzione del patrimonio artistico della città. Il nostro progetto per un domani diverso per Pisa, in linea con le soluzioni adottate da altre città europee, prevede: una carta dei musei e un biglietto unico, frutto di una convenzione tra le varie istituzioni che gestiscono i siti museali del territorio; ampi orari di apertura e personale qualificato assunto in pianta stabile; collegamenti gratuiti e sostenibili per i visitatori".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una Città in Comune all'attacco: "La politica museale gira a vuoto per colpa del centrodestra"

PisaToday è in caricamento