Fusione Camere di Commercio, Pieroni: "Serve una proroga"

Il consigliere regionale Andrea Pieroni, candidato alle elezioni del 20 e 21 settembre nelle file Pd, chiede alla Regione Toscana di prendere spunto dal presidente emiliano Bonaccini

"Sulla questione fusione delle Camere di Commercio la Regione Toscana dovrebbe prendere spunto dal presidente della Regione Emilia-Romagna Bonaccini, che ha proposto una proroga di altri tre anni", afferma il consigliere regionale Andrea Pieroni, candidato nelle file del Pd alle prossime elezioni del 20 e 21 settembre.

"Come ho già ribadito in altre occasioni gli accorpamenti determinati dalla legge 124/2015 regola accorpamenti e la creazione di nuovi enti che però, così fatti, rischiano di non rappresentare come si deve territori con caratteristiche socio-economiche molto diverse tra loro". Pieroni infatti si riferisce all’accorpamento previsto per la Camera di Commercio di Pisa con Lucca e Massa Carrara, che formerebbero la Camera di Commercio della Toscana nord-ovest. "Tre province assai diverse tra loro - prosegue - con vocazioni produttive molto variegate che vanno dal conciario, calzaturiero e metalmeccanico, al cartario, lapideo, farmaceutico e nautico, con le relative filiere e indotto. Si pensi solo alla provincia di Pisa, divisa nei quattro settori economici tipici: l’agricolo che interessa l’Alta Valdera e la Val di Cecina, l’industriale nella Valdera e nel Valdarno e in parte dell’area pisana dove insiste prevalentemente terziario e terziario avanzato".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non credo che un ulteriore allargamento possa giovare ad una adeguata rappresentanza delle questioni e delle complessità, tra l’altro accentuate in questo periodo dal virus Covid-19. Le Camere di commercio inoltre non gravano sui costi pubblici, sostentandosi quasi esclusivamente delle quote di Diritto annuale, ed hanno una funzione fondamentale per il sistema delle imprese, ne sostengono lo sviluppo nel contesto delle economie locali, con ricadute positive, riconosciute da tutti, per quanto riguarda le singole imprese, i comparti produttivi e per i distretti economici, che già svolgono un ruolo importante nell’economia toscana", ha concluso Pieroni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale davanti allo stadio a Pontedera: muore 30enne

  • Covid a scuola: classi in quarantena nel pisano

  • Covid in classe: cinque nuovi casi nelle scuole di Pisa

  • Barman deceduto a Pontedera: annullata la Festa del Commercio

  • Coronavirus in Toscana, 90 casi in più: a Pisa 24 nuovi positivi

  • Mareggiata a Marina di Pisa: allagamenti e pietre sul lungomare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento