Gambaccini e Frullano (Lega) a Calambrone con il sindaco di Pisa: "Possiamo vincere"

I due candidati al Consiglio Regionale promuovono il loro impegno sul fronte sanità e impresa, con Conti che spinge al voto per Susanna Ceccardi

Incontro con i cittadini del litorale per Gianna Gambaccini e Giovanni Frullano, i due candidati a consiglieri regionali in quota Lega che si sono ritrovati con i fedelissimi del Carroccio pisano all'interno della struttura 'Le Dune Beach' a Calambrone. Erano presenti l'assessore al turismo Paolo Pesciatini, il presidente del Consiglio Comunale Alessandro Gennai e il sindaco di Pisa Michele Conti, che nel suo intervento ha sottolineato come quest'anno la Lega possa contendere la Regione al Pd: "Mai come oggi possiamo farcela. Se vincerà Giani tutto si concentrerà su Firenze e Pisa verrà messa sempre in secondo piano. Dico ai pisani che tengono a Pisa di votare Susanna Ceccardi, una persona del territorio che tiene alla sua città e cerca  sempre di fare il bene di Pisa". 

"E' stato un incontro stimolante con i cittadini del litorale - ha detto Gianna Gambaccini - il territorio sia nella zona pisana che in tutta la toscana è stato abbandonato, determinando una sempre maggior difficoltà da parte dei cittadini ad accedere alla sanità pubblica con conseguente affollamento dei pronto  soccorso degli ospedali e l'allungamento delle liste di attesa. L'amministrazione pisana e il mio assessorato hanno dato al territorio esempi virtuosi da implementare e traslare a tutta la Regione, quali l'attivazione del primo soccorso infermieristico del litorale pisano. Questo servizio nato dalla collaborazione fra Comune di Pisa, SdS della zona pisana, Pubblica Assistenza del litorale pisano sostenuti da Paim, Sib Confcommercio, Porto di Pisa, Farmacia Benini e molti sponsor privati, è nato lo scorso anno, quando sono state effettuate più di 200 prestazioni infermieristiche, evitando a cittadini e turisti la necessità e il disagio di ricorrere alle cure del pronto soccorso, evitando anche l'affollamento di quest'ultimo.  Anche questo anno, nonostante le difficoltà create dal Covid-19 , siamo riusciti ad attivare questo servizio almeno nei fine settimana".

"La Toscana già prima del Covid era una Regione economicamente depressa ed in grossa difficoltà - ha affermato Giovanni Frullano - adesso, nell’inerzia dell’amministrazione regionale a guida Pd, buona parte degli imprenditori ha chiuso e chi è rimasto deve lottare da solo giorno per giorno. Enrico Rossi e compagni hanno sulla coscienza tutto questo, nella consapevolezza che non hanno fatto nulla per evitarlo. Noi come Lega, vogliamo una Regione di partite Iva e di dipendenti felici di lavorare in Toscana e che possano vedere nella Regione stessa un alleato per il loro lavoro e non un nemico sabotatore come è stata la Regione Toscana di Enrico Rossi. La Toscana della sinistra oggi è sinonimo di burocrazia inutile per l’imprenditore che voglia investire sul territorio regionale. Chi vuole fare impresa in Toscana dovrebbe essere messo in condizione di farlo, rapidamente e senza inutili intralci".

"Il rilancio dell’economia della Toscana dovrà passare attraverso agevolazioni alle imprese, interventi a fondo perduto in favore delle imprese e creazioni di posti di lavoro. Solo la gente che guadagna può spendere il denaro che seve a fare girare l’economia. Non facciamoci ridurre in miseria dal Pd di Rossi e di Giani. Adesso basta. Ridateci una Toscana libera di lavorare" ha concluso Frullano. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1900 nuovi casi e 44 decessi

  • Strutture sociosanitarie: focolai in tre centri del pisano

  • Positivo al Covid si barrica nella stanza dell'ospedale Cisanello

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Coronavirus in Toscana: 2.200 casi, 48 decessi

  • Coronavirus in Toscana, calano i nuovi positivi: sono 1972

Torna su
PisaToday è in caricamento