Gambaccini e Frullano (Lega) in visita a Volterra: "Città abbandonata da anni"

I due candidati alle prossime Regionali hanno fatto tappa al laboratorio Rossi Alabastri e all’Allevamento Zizi

Domenica volterrana per Gianna Gambaccini e Giovanni Frullano, candidati a consiglieri regionali della Lega nella prossima tornata elettorale del 20 e 21 settembre, che dopo un breve pranzo in città al 'Ristorante Etruria' rispettando le norme legate al Covid-19, hanno fatto visita rispettivamente al laboratorio Rossi Alabastri e all’Allevamento Zizi.

“Città come Volterra sono ormai abbandonate da anni dalla Regione a trazione PD. Questa città non merita il depotenziato dell'ospedale, penalizzato da un progressivo depauperamento di reparti e soprattutto di operatori sanitari (troppo spesso divisi con l'ospedale di Pontedera) ma anche da una totale assenza di adeguate vie di comunicazione, che definirei medievali - afferma Gianna Gambaccini - anche il turismo, solitamente del tipo 'mordi e fuggi' necessita di essere implementato anche per favorire la rinascita dello storico artigianato dell'alabastro. E' fondamentale ristrutturare del tutto Toscana Promozione per agevolare i flussi turistici in città come Volterra, ma anche nelle meravigliose aree paesaggistiche toscane, come la Maremma, il Cosentino, l'Amiata, Lunigiana e la Garfagnana, solo per citarne alcune. Un discorso a parte poi meritano le attività agricole e dell'allevamento, ove i piccoli imprenditori sono lasciati a loro stessi a fronteggiare le difficoltà economiche, i dissesti idrogeologici e (nel caso degli allevamenti) gli attacchi di lupi e ungulati. Chi amministra deve in primo luogo conoscere i territori in maniera capillare e monitorarne le difficoltà”.

“Per tutelare e non disperdere il patrimonio dell’artigianato alabastrino sarebbe stato necessario che l’amministrazione regionale fosse intervenuta con finanziamenti a fondo perduto specie dopo un emergenza della gravità di quella del Covid-19 - afferma Giovanni Frullano - nulla di tutto questo è stato fatto purtroppo con la conseguenza che rischiamo di disperdere un patrimonio di conoscenze artigianali dell’alabastro che si tramandavano di generazione in generazione o da maestro ad apprendista. La domenica appena trascorsa a Volterra ci ha consentito di far visita oltre che agli alabastrai anche all’allevamento Zizi. Gli allevatori purtroppo sono costretti a vendere il latte al prezzo di costo o come è successo al nostro amico Zizi a vendere parte del gregge di pecore per pagarsi le spese dei terreni distrutti dal fuoco. E la Regione in tutto questo cosa ha fatto? Niente. Quando Susanna Ceccardi amministrerà questa Regione state certi che verranno stanziati i fondi necessari per il sostegno agli allevatori e non quattro milioni di euro per l’assistenza dei clandestini” conclude Frullano.

Gambaccini e Frullano visita allevamento Zizi a Volterra-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto nella notte a San Piero a Grado: muore 26enne

  • Ripartenza scuola e Coronavirus: mezza classe del liceo in quarantena a Pontedera

  • Coronavirus a scuola, tre studenti positivi: quarantena per compagni di classe e insegnanti

  • Cadavere di un anziano trovato in un fosso in zona La Fontina

  • Coronavirus in Toscana, 143 nuovi casi: 38 positivi in più a Pisa

  • Piogge e temporali in Toscana: scatta l'allerta meteo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento