Gambaccini sul programma della Lega: "La riforma sanitaria Rossi-Saccardi ha fallito"

Al Centro 'I Cappuccini' affrontati tanti temi, la candidata ha tracciato le proposte politiche su molti fronti

Si è svolto presso il Centro 'I Cappuccini', il primo di una serie di quattro incontri promossi dalla Caritas diocesana aventi come titolo 'Animare la Città - Tra la Zona Pisana e la Città ideale', che ha coinvolto alcuni candidati a consiglieri, delegati dai candidati Governatori per la Toscana. Susanna Ceccardi ha delegato per il carroccio pisano l'assessore alle politiche sociali Gianna Gambaccini. I temi del dibattito (cinque minuti ad intervento) sono stati: Lavoro e Formazione Professionale, Sanità, Infrastrutture ed Ambiente e Legalità e Partecipazione. 

SUL LAVORO. "Sul tema del lavoro fondamentale una politica di rilancio del settore lavoro è fondamentale rilanciare le piccole e medie Imprese, il  Turismo e l'Agricoltura, che rappresentano una colonna portante dell'economia toscana - ha detto Gambaccini - attraverso una riduzione della pressione fiscale dell IRAP che grava sulle imprese ma anche dell'IRPEF addizionale regionale che grava sulle famiglie, consumatori finali dei prodotti. Nell'ambito del turismo appare necessario estendere i flussi turistici, oltre ai relativi piccoli centri delle città d'arte come Pisa e Firenze, anche alle meravigliose zone del paesaggio tipico toscano come il Casentino, la Garfagnana, La Lunigiana, la Maremma ed il Monte Amiata, ovviamente riformando toscana promozione. Per quel che concerne l'Agricoltura occorre implementare la filiera corta cercando al contempo di favorire il ricambio generazionale delle aziende agricole e l'implementazione dei Consorzi. Per rilanciare l'occupazione  non vs poi  trascurando l'aspetto formativo per quanto concerne le nuove generazioni attraverso  corsi di formazione di altamente professionalizzanti"

SULLA SANITÀ. "La riforma della sanità toscana Rossi-Saccardi che ha creato le tre Maxi Asl ha miseramente fallito andando progressivamente  a penalizzare il territorio, sempre meno ricco di servizi capillari e vicini al cittadino. In alcune zone come la pisana mancano cure intermedie e case della salute, che comunque anche quando presenti non vanno a soddisfare appieno le esigenze dei cittadini che spesso sono costretti a ricorrere alle cure e alla diagnostica ospedaliera affollando i pronto soccorso e determinando interminabili liste di attesa. Il nostro progetto è quello di mandare in soffitta la riforma con le maxi asl e implementare la sanità territoriale con cure intermedie e case della salute, ma al tempo stesso ripotenziare gli ospedali, anche quelli di primo e secondo livello, assumendo medici e personale sanitario e soprattutto rimettendo al centro dell'attenzione il malato. Molto c'è da fare in tema di disabilità e non autosufficienza. Andranno implementati i fondi della non autosufficienza,  della residenzialità e della disabilità per favorire percorsi di qualità di vita per gli ammalati e sollievo alle famiglie".

SULLE INFRASTRUTTURE. "Il nostro progetto è quello di investire nelle infrastrutture, potenziando la viabilità su strada attraverso la costruzione della terza corsia su tutta la rete autostradale regionale, mettere in sicurezza tratti di strade di grande comunicazione come la FI-PI-LI o l'Autopalio che sono costantemente luogo di incidenti; va infine costruita la 'Tirrenica', di cui si sente solo parlare da moltissimi anni. Uno dei nostri obiettivi riguarderà anche la rete ferroviaria, non solo relativamente all'alta velocità, ma anche per quanto riguarda il potenziamento delle tratte minori, quali il secondo binario della Linea Pisa-Lucca e Firenze e Pistoia, mentre per ciò che riguarda la questione aeroportuale, a nostro avviso entrambi gli scali di Pisa e Firenze meritano di essere potenziati senza più dualismi rispettando la vocazione internazionale e intercontinentale di Pisa (oltre che di collegamento costiero) e quella interazionale e di collegamento interno centro appenninico di Firenze, non dimenticando la necessità di un miglioramento ambientale della zona. Non va poi dimenticata la  valorizzazione dei Porti, anche qui non trascurando il problema dell'erosione costiera, dell'implementazione delle infrastrutture telematiche e la manutenziome dei ponti e viadotti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

SULLA LEGALITÀ. "Sono sempre più attuali le parole dei Magistrati che hanno purtroppo perso la vita nell'adempimento del proprio dovere, i quali ricordavano come la Mafia, per essere combattuta, deve essere conosciuta da vicino, e ancor più  ai nostri giorni allorché la criminalità organizzata si è infiltrata come un cancro nel tessuto economico della nostra regione con la mafia nigeriana a Firenze, quella cinese a Prato e la 'ndrangheta e la camorra in molte delle altre province. La conoscenza approfondita della mafia e del suo comportamento è fondamentale per gli operatori che gestiscono gli appalti pubblici e non mi risulta che finora la Regione a trazione Pd abbia fatto approfondimenti e corsi di formazione ai suddetti operatori".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un lockdown "morbido" tra dieci giorni e l'ipotesi coprifuoco alle 21 in tutta Italia

  • Coronavirus in Toscana, sfondata quota mille: sono 1145 i nuovi positivi

  • Coronavirus in Toscana: più di 1.800 i nuovi casi, 5 decessi a Pisa

  • Coronavirus in Toscana, casi positivi in aumento: superata quota 2mila in 24 ore

  • Positivo al Coronavirus fermato sul treno a Pisa: convoglio sanificato

  • Coronavirus in Toscana, 1290 nuovi casi e 8 decessi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento