Elezioni regionali, Nardini e Lunardi (Pd): "Difendiamo e valorizziamo il Parco di San Rossore"

I due candidati al Consiglio regionale intervengono sottolineando l'importanza del Parco e attaccando il sindaco di Pisa Michele Conti

Questa mattina, a Coltano, la consigliera regionale e capolista del PD alle prossime elezioni in Toscana Alessandra Nardini e il candidato al Consiglio Regionale per il PD Giancarlo Lunardi, già presidente del Parco di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli e già sindaco di Vecchiano, hanno assunto un impegno pubblico per la difesa e la valorizzazione del Parco, attaccando la posizione del Comune di Pisa e il silenzio della candidata presidente Susanna Ceccardi.

Nardini e Lunardi hanno chiamato in causa il sindaco Conti dichiarando che "il suo attacco al Parco, definito come un corpo estraneo, un vincolo e un freno allo sviluppo, è pericoloso e fa capire che la Lega e la destra sono ostili alla tutela di questo gioiello ambientale e paesaggistico e allo sviluppo sostenibile. Su questo, come su ogni questione specifica sul futuro del territorio, Ceccardi è rimasta muta. Cosa ne pensa? È d'accordo con Conti? Sappiano che non gli permetteremo mai di distruggere il Parco per soddisfare certi interessi economici. Ormai dovrebbero averlo capito anche i sassi che la valorizzazione turistica e naturalistica sostenibile sono straordinari volani di sviluppo e anche di ritorno economico sul territorio".

Poi i due candidati del PD hanno presentato alcuni punti programmatici, una sorta di Manifesto per lo sviluppo sostenibile dell'area e per una sua connessione con un ambito più ampio. Dichiarano Nardini e Lunardi: "Il Comune di Pisa si sta isolando, ma il Parco può essere un ponte di collegamento straordinario che unisce Pisa alla Versilia e a Lucca, passando per il Lungomonte pisano fino ad arrivare al litorale. Il turismo sostenibile, naturalistico e paesaggistico, sarà una chiave di sviluppo e di rilancio. Anche nell'ottica di questa funzione di raccordo territoriale, un'attenzione specifica sarà riservata proprio alla bellissima area di Coltano e alla soluzione di varie questioni ancora aperte in tale realtà, rispetto alle quali si registra l'inattività dell'amministrazione pisana".

Da Nardini e Lunardi, poi, impegno massimo anche sul sostegno alla produzione agricola biologica e alla valorizzazione della straordinaria biodiversità dell'area: "Difendere i confini del Parco e sostenere l'agricoltura locale significa tutelare questo territorio ricco di biodiversità, anche come contributo alla lotta contro i cambiamenti climatici".

Infine l'impegno programmatico per migliorare ulteriormente la vigente normativa regionale in materia, soprattutto nel senso del coinvolgimento e della partecipazione: "Vogliamo rafforzare la partecipazione sistematica e continuativa del territorio alla programmazione e pianificazione. Pensiamo a uno strumento di confronto permanente con istituzioni locali, cittadini, associazioni ambientaliste, rappresentanti del mondo imprenditoriale e produttivo".


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1900 nuovi casi e 44 decessi

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

Torna su
PisaToday è in caricamento