Petrucci su infrastrutture: "Investire sulla Fi-Pi-Li, basta alle scelte sbagliate della sinistra"

Il capolista a Pisa di Fratelli d'Italia pone le priorità sulle vie di comunicazione, da aeroporti a vie d'acqua

"Quanto tempo passano i toscani in coda sulla Fi-Pi-Li, ogni anno? Settimane". Diego Petrucci, capolista di Fratelli d’Italia nel collegio di Pisa alle Regionali in Toscana, propone nuovi e definitivi investimenti della Regione su questa infrastruttura e critica le scelte di Enrico Rossi ed Eugenio Giani al governo della Toscana.

"Le infrastrutture - spiega Petrucci - sono un tema da cui la politica scappa dicendo che non ci sono soldi a sufficienza. Io penso che siano una scusa e un alibi; la verità è che in questi anni ci sono state solo scelte sbagliate". Petrucci cita il caso del People Mover, "un’opera inutile che è costata la cancellazione del binario di collegamento fra la Stazione e l’Aeroporto di Pisa. Ci siamo sempre opposti alla realizzazione di questa infrastruttura per la quale la Regione, con Giani e Rossi ha investito 70 milioni di euro inutilmente. Come se fosse un’opera connotante del loro governo. E intanto la Fi-Pi-Li continua a restare sempre nelle stesse condizioni, con una mole di traffico sproporzionata, senza la terza corsia e senza le norme di sicurezza". Petrucci aggiunge: "Tanto è vero che ogni volta che accade qualcosa su questa arteria, si paralizza e viene chiusa. Giani si è accorto solo il 20 agosto che la Fi-Pi-Li ha bisogno di risorse, noi lo diciamo da anni".

Sulle scelte sbagliate della Regione Petrucci insiste anche in relazione alla questione aeroporti di Pisa e di Firenze. "Non è vero che non ci sono risorse a sufficienza. Si pensa di investire 300milioni di euro pubblici sulla seconda pista di Peretola: anche questa sarà una scelta sbagliata. L’aeroporto di Firenze deve essere ammodernato e messo in sicurezza, con investimenti, è chiaro, ma l’unico scalo toscano che può avere una valenza intercontinentale è quello di Pisa. E il campanilismo non c’entra nulla".

E infine, le vie d’acqua: "Abbiamo una via d’acqua importantissima che è la via d’acqua dell’Arno e il Canale dei Navicelli. Va dragato. Ora c’è un pescaggio di 2 metri e mezzo, deve essere portato almeno a 3 metri e mezzo per essere competitivo e ospitare natanti di 50 metri. Quanto costa? Un milione di euro. La Toscana deve mettere questo milione, perché è una infrastruttura fondamentale che porta automaticamente investimenti, sviluppo e posti di lavoro".

"Questi - conclude Petrucci - sono tre punti imprescindibili che porterò in Regione se sarò eletto consigliere. Scelte giuste, lungimiranti, non penalizzanti o ideologiche per un uso intelligente delle risorse che abbia ricaduta effettiva ed efficace sui nostri territori e sulla creazione di posti di lavoro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1900 nuovi casi e 44 decessi

  • Positivo al Covid si barrica nella stanza dell'ospedale Cisanello

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Coronavirus in Toscana: 2.200 casi, 48 decessi

  • Coronavirus in Toscana, calano i nuovi positivi: sono 1972

  • Coronavirus in Toscana, oltre 1900 i nuovi contagi: calano i ricoveri

Torna su
PisaToday è in caricamento