Elezioni regionali Toscana 2020

Sinistra Civica Ecologista in campo in nome della sostenibilità ambientale

Il portavoce Paolo Fontanelli spiega i principi che animano la lista che sostiene la candidatura di Eugenio Giani

Si stanno sviluppando le iniziative della lista Sinistra Civica Ecologista, nata per le elezioni regionali della Toscana, a sostegno della candidatura a presidente di Eugenio Giani, con l'obiettivo di cambiare le politiche regionali verso una più forte sostenibilità ambientale. "Questo obiettivo è possibile se si afferma un processo di rinnovamento nella sinistra, in grado di ridurre le frammentazioni e di assumere chiaramente i contenuti e la priorità del nesso salute-ambiente - sottolinea il portavoce Paolo Fontanelli - ciò significa operare per rafforzare il servizio sanitario pubblico, in particolare sul territorio, e agire con coerenza e coraggio sulla linea della transizione ecologica, come auspicato anche dall'Unione Europea. Il recupero della qualità della vita, intesa anche come lavoro e reddito, passa da questi indirizzi e non dalla riproposizione delle vecchie logiche dello sviluppo".

"Siamo consapevoli che per una lista nuova, con poco tempo per farla conoscere, la sfida è difficile - prosegue l'ex sindaco di Pisa Paolo Fontanelli - tuttavia confidiamo che gli elettori di sinistra riflettano attentamente sull'esigenza di una svolta che porti al superamento dei limiti e delle contraddizioni che hanno segnato il campo progressista negli ultimi anni, anche in Toscana. Quindi useremo il tempo della campagna elettorale per parlare dei problemi e del programma e non delle battaglie sulle preferenze, o del promettere di tutto di più come usano fare molti partiti e candidati, allo stesso modo di come lo hanno fatto cinque anni fa".

"Nel collegio pisano la lista di Sinistra Civica Ecologista - spiega Fontanelli - è formata da candidati che hanno chiare competenze sui problemi del diritto alla salute e della riconversione ecologica, come sull'economia e sul progetto di rinnovamento della politica. La scelta di Paolo Malacarne come capolista ha il senso di mettere in campo una professionalità e una sensibilità indiscutibili sul tema della difesa della sanità pubblica anche per una eventuale proposta sull'assessorato regionale. Ed è evidente che un risultato significativo della lista può rendere percorribile questa opportunità, nonostante i molti pretendenti sparsi per tutta la Toscana. Comunque la nostra lista parlerà lo stesso linguaggio in tutta la regione senza usare il metodo di fare promesse diverse a seconda delle situazioni. Un caso chiaro in tal senso è quello del sistema aeroportuale toscano. Sinistra Civica Ecologista è contro la nuova pista di Peretola e chiede di attuare gli investimenti già previsti e programmati per il potenziamento del Galilei. Invece la società Toscana Aeroporti subordina strumentalmente questi investimenti alla realizzazione della pista a Firenze, in questi spalleggiata da Renzi e da Iv e da tutti coloro che accettano di fatto le scelte di Toscana Aeroporti. Anche a destra si usa la lingua biforcuta, cioè a Pisa si dice una cosa e a Firenze l'opposto. Non è una cosa seria: chi vuole gli investimenti su Pisa deve prendere chiaramente le distanze dalle decisioni attuali di Toscana Aeroporti".

Nei prossimi giorni si terranno incontri con i candidati a Asciano il 2 settembre, a Marina il 6 e poi a Pontedera, S.Giuliano, Castelfranco, Cascina, Volterra, Pomarance, Pisa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sinistra Civica Ecologista in campo in nome della sostenibilità ambientale

PisaToday è in caricamento