Elezioni comunali provincia di Pisa 2014

Elezioni comunali a San Giuliano Terme, il candidato Strignano: "Come diceva Gaber 'Libertà è partecipazione'"

PisaToday ha intervistato il candidato del Movimento Cinque Stelle Giuseppe Strignano che non si sbilancia sulle percentuali di voti, ma afferma: "Abbiamo già vinto il 25 aprile, giorno in cui abbiamo presentato la lista in Comune"

Ecco cosa ci ha raccontato il candidato del Movimento Cinque Stelle Giuseppe Strignano.

- Dott. Strignano, ci parli di lei.

"28 anni nato a Trani (Ba), a Pisa per studio a 19 anni. Laureato alla triennale di Ingegneria Biomedica, lavoro come tecnico biomedicale ormai da 4 anni nel settore ospedaliero e sanitario in generale. Attivo nella politica già ai tempi dell'università e nel meetup 'Amici di Beppe Grillo - Grilli pisani' dal 2007. Alle elezioni amministrative del 2013 sono stato candidato come capolista per il Movimento 5 Stelle a Pisa. Nello stesso anno ho preso residenza definitiva a San Giuliano Terme e quindi ho deciso di aggregarmi al gruppo M5S, nato da poco più di un anno, dei Bagni di Pisa. Sono stato candidato a sindaco dagli attivisti del gruppo all'unanimità. Prima del Movimento 5 Stelle votavo (perchè il voto è un diritto conquistato col sangue) turandomi il naso, per i partiti di sinistra. Poi è nato il movimento, forza politica giovane, dinamica, con una reputazione e una credibilità da difendere. Non ho più bisogno di turarmi il naso. Non scenderò mai a compromessi con chi ha creato gli stessi danni che ora vuole risolvere. L'unica alleanza possibile è quella con i cittadini.  Il mio sport preferito:  kick-boxe. Il mio hobby preferito: ho un orto biologico che gestisco con altri 7 amici. La mia passione: leggere". 

- Quali sono le motivazioni che l’hanno portata a candidarsi a sindaco?

"Le motivazioni che mi hanno e che ci hanno spinto a presentarci per la prima volta nel nostro Comune sono molteplici. La principale è  riportare i cittadini alla guida del Comune per risolvere i problemi quotidiani e soddisfare le aspettative per un bene collettivo. Le aspettative di ognuno di noi sino ad oggi sono state disattese, solo spot politici per accaparrarsi  consensi. Se analizziamo nel merito i dati del fallimento della nostra amministrazione, ci si rende conto del perché noi desideriamo esserci". 

- Quali sono i problemi principali del Comune? Cosa in questi anni secondo lei non è stato fatto per San Giuliano Terme?

"Lo sfruttamento del suolo con la cementificazione selvaggia (vedi La Fontina) è un problema visibile ogni volta che piove, è il simbolo del dissesto creato dalle passate amministrazioni. Mancanza di manutenzione ordinaria degli edifici pubblici e infrastrutture, mancanza di politiche a sostegno delle piccole e medie imprese, cittadini che non si sentono tutelati visto l'aumento della micro-criminalità, mancano politiche agricole serie, tassazione a livelli insostenibili".

- Quali sono i punti salienti, le priorità del suo programma elettorale? In che cosa la sua proposta si differenzia da quelle dei suoi avversari?

"Non è una questione di programmi: quando il M5S si presenta ad una competizione elettorale il suo programma diventa quello di tutti, e di questo siamo contenti. Poi però basta conoscere chi sono le persone che dicono le stesse cose che diciamo noi.. sono sempre le stesse, quelle che hanno distrutto una comunità locale e adesso si ripropongono come nuovo dandosi una pennellata di bianco. La differenza tra noi e loro è la credibilità. Noi facciamo quello che diciamo. E se siamo all'opposizione facciamo di più di quello che la legge ci dice di fare (restituzione dei rimborsi elettorali, dimezzamento stipendi e restituzione della diaria non spesa)".

- Quale percentuale di voti si sente di poter raggiungere in queste Amministrative?

"Non ci interessa parlare di percentuali, il Movimento 5 Stelle ha già vinto il 25 aprile, giorno in cui abbiamo presentato la lista in Comune desiderosi di una nuova Liberazione, questa volta dalla partitocrazia italiana. Il nostro intento non è solo quello di raccogliere voti ma far si che questi voti si trasformino in partecipazione, coinvolgere cioè il maggior numero di cittadini alla vita politica e sociale della comunità. Come diceva il grande Gaber: “Libertà è partecipazione!”  Abbiamo già vinto perché ad ogni riunione siamo sempre di più, cittadini che a turno esprimono la propria opinione su tutto , poi i gruppi di lavoro che si formano convertono queste opinioni in proposte dopo aver studiato la materia trattata. Solo così il cittadino può essere informato, attivarsi in prima persona e fare a meno di delegare il proprio voto al politicante di turno".

- Quali sono i primi provvedimenti che prenderete in caso di vittoria? Oppure che tipo di opposizione farete nel caso non vinceste?

Nel caso il M5S vincesse le elezioni si concentrerebbe sin da subito sui seguenti punti:

- Amministrazione: verifica degli ultimi bilanci comunali rendendo visibile ogni singola voce di spesa. Riordino del personale amministrativo per competenze e tagli ai manager e consulenze esterne. Lotta agli sprechi e all'evasione fiscale. Recupero risorse da destinare all'attuazione del programma di mandato. Referendum propositivo comunale e bilancio partecipato.

- Economia e lavoro: alleanza tra produttori e consumatori locali tramite iniziative come lo SCEC, lo sconto che cammina. Obiettivo disoccupazione Zero tramite creazione dello sportello unico per il lavoro.

- Urbanistica e territorio: recupero del suolo improduttivo, recupero degli edifici degradati, manutenzione straordinaria e ordinaria delle scuole, aree verdi e parchi gioco, aree destinate ai cani.

- Ambiente: Rifiuti Zero, sviluppo di un indotto locale per la raccolta e trasformazione dei rifiuti e centro di ricerca per la diminuzione dei rifiuti. Ciò è utile per ricavare utili da destinare all'abbassamento della tassa Tari. Piano manutenzione fossi per la cura al dissesto idreogeologico.

- Turismo: piano di recupero dei siti storici, sviluppo di un percorso ciclabile che colleghi i vari punti di interesse storico. Piano integrato comunale per il turismo che crei sinergie tra cultura, arte, paesaggio, terme e prodotti tipici locali, all'insegna dell'ecosostenibilità.

- Trasporti: potenziamento servizio scuolabus, pedibus. Servizi per anziani e disabili garantiti. Realizzazione di nuovi marciapiedi e piste ciclabili a norma.

- Energia: piano energetico comunale volto allo sviluppo delle rinnovabili e al futuro risparmio in bolletta.

Se, viceversa, dovessimo andare all'opposizione, lavoreremo per rendere trasparente il lavoro fatto dall'amministrazione e dalla Giunta, apriremo il Comune come una scatoletta di tonno. Faremo opposizione dura,  votando ogni singolo provvedimento non in base a calcoli di convenienza politica o per partito preso, ma valutando attentamente ogni singola proposta e dando il nostro contributo per migliorarla.

- Perché i cittadini dovrebbero votarla?  

"Perchè la lista del M5S è l'unica che garantisce la presenza di persone pulite (abbiamo dovuto presentare il certificato penale per poterci candidare) e alla prima legislatura. Inoltre noi garantiamo il rinnovamento della classe politica non potendo fare più di 2 legislature. 'Non si può risolvere un problema usando la stessa mentalità che lo ha creato' (Albert Einstein)".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni comunali a San Giuliano Terme, il candidato Strignano: "Come diceva Gaber 'Libertà è partecipazione'"

PisaToday è in caricamento