Elezioni comunali a Vicopisano: 'rissa' in strada tra due candidati

Giovanni Niccolai, in corsa per la carica di primo cittadino con la lista 'Vicopisano ora cambia verso', ha sorpreso oltre la mezzanotte l'attuale sindaco Taglioli, mentre distribuiva volantini nelle cassette della posta: ne è nato un duro scontro

Una vigilia di elezioni burrascosa a Vicopisano dove nella notte tra venerdì e sabato si è verificato un duro scontro tra il candidato della coalizione di centrosinistra, e attuale sindaco, Juri Taglioli, e il candidato della lista civica 'Vicopisano ora cambia verso' Giovanni Niccolai, che ha sorpreso il primo cittadino in carica mentre, incappucciato, distribuiva volantini a mezzanotte e mezzo, quando cioè era già scattato il silenzio elettorale, nelle cassette della posta degli elettori in via Magellano a San Giovanni alla Vena.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ne è nato così un duro diverbio (i due sono arrivati quasi alle mani), con Niccolai che ha cercato di strappare di mano i volantini a Taglioli. "Ieri sera si è consumato l'episodio più brutto che abbia mai vissuto da amministratore, con l'aggressione che ho subito dal candidato Niccolai e da altre persone che mi hanno urlato di vergognarmi, spintonandomi e provando a togliermi di forza i volantini del PD che stavamo regolarmente portando dalla mattina in tutto il Comune, (come hanno fatto tanti altri amici e compagni di lista) - afferma Taglioli sulla sua pagina Fb - i volantini in questione non erano volantini anonimi o offensivi, riportavano semplicemente la versione di questa campagna elettorale vista dal Partito Democratico, come hanno fatto le altre liste nei nostri confronti. Non voglio però soffermarmi su questo, ognuno è libero di leggerli e farsi l'idea che vuole, sono purtroppo amareggiato per l'atteggiamento violento tenuto da Niccolai e da suo fratello che, accusandoci erroneamente di fare una cosa illecita dopo la mezzanotte, hanno aggredito me e la candidata della mia lista Valentina Bertini mentre stavamo parlando con le altre 2 candidate che erano dentro l'auto. Porto volantini in giro nelle cassette della posta fin da quando faccio politica e il fatto che ieri sera avevo il cappuccio della felpa è semplicemente dovuto al freddo alla testa per la mia non folta capigliatura (con me erano presenti tra l'altro, anche tre ragazze e nessuno naturalmente aveva motivo di nascondersi.......roba da pazzi.......di cosa devo giustificarmi!?!)".

Poi Taglioli cerca di fare chiarezza. "In base alla 'legge 4 aprile 1956 n.212 e la legge 24 aprile 1975, n. 130' i volantini possono essere portati anche dopo la mezzanotte del venerdì, pur che il tutto sia effettuato a distanza di 200 metri dai seggi elettorali (questo dato è facilmente riscontrabile anche presso la Prefettura). Quindi non ho commesso alcun illecito - sottolinea il sindaco - nonostante sia stato ripetutamente ritenuto incapace e sbattuto su tutti i social network, ricevendo denigrazioni di ogni genere, non ho mai messo le mani addosso a nessuno e mai lo farò! Su una cosa sono particolarmente arrabbiato, che mi si attacchi sul tema della legalità. Chi ha avuto a che fare con me in questi anni sia nel ruolo di sindaco sia come persona sa come sono fatto. In questa campagna elettorale molti amici mi hanno esortato ad alzare i toni e ad essere 'più cattivo'. Mi dispiace, ma io a certi comportamenti non mi abbasserò mai! La cattiveria e la violenza non fanno parte del mio modo di essere".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana, crescono i contagi: 755 nuovi positivi

  • Una delle pizzerie più buone d'Italia: Gusto al 129 premiata da Gambero Rosso

  • Si diplomano e vengono assunti nell'azienda dei loro sogni

  • Coronavirus, 581 nuovi casi in Toscana: un decesso a Pisa

  • Coronavirus in Toscana: 906 nuovi casi, 133 a Pisa

  • Coronavirus nel pisano: 39 casi a Pisa, 26 a Cascina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento