rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Politica

Bufera Italia dei Valori: espulso l'assessore al personale del Comune

Il coordinatore provinciale Idv Buoncristiani ha chiesto al primo cittadino Filippeschi di sostituire il membro della giunta al quale non è stata rinnovata la tessera come già accaduto a Curci e Landucci

Anche l'assessore al personale del Comune di Pisa Antonio Cassone finisce nella bufera dell'Idv pisano che ha già fatto due vittime: i consiglieri provinciali Michele Curci e Lucia Landucci, al quale è stata tolta la tessera del partito per non aver versato il contributo del 10% previsto dallo statuto per coloro che ricoprono incarichi pubblici e amministrativi, designati in quota Idv. Ai due espulsi se ne aggiunge un terzo, l'assessore Cassone appunto. Il coordinatore provinciale Luigi Buoncristiani conferma di avere già chiesto al sindaco Marco Filippeschi di ritirargli la delega e sostituirlo.

Immediata la replica di Cassone che si dice "deluso da Di Pietro, che sul piano organizzativo non è stato capace di far crescere il partito". "A Pisa come altrove - dice l'assessore - governano l'Idv strutture reazionarie incapaci di qualunque dialettica politica. Qui poi si sceglie la soluzione amministrativa, quella del mancato versamento delle quote, per colpire il dissenso e la libertà d'espressione. Al sindaco e al Pd dico chiaramente che non ho intenzione di dimettermi e che se loro subiranno il ricatto di questi reazionari si aprirà un fronte politico molto grave e imprevedibile".

Sul doppio incarico della consigliera Maria Luisa Chincarini (consigliere regionale e comunale), anche Cassone si aggiunge al coro dei due colleghi Curci e Landucci, chiedendo che la consigliera rinunci alla doppia poltrona (pietra dello scandalo intorno alla quale si è arroventata la polemica interna) anche perché, conclude l'assessore, "si parla di una persona con appena il 12% delle presenze in Comune e che non ha votato provvedimenti importanti per la città come la variante urbanistica per l'insediamento di Ikea e, in passato, documenti come i bilanci consuntivi e preventivi". Intanto, dopo la "punizione", ai due consiglieri provinciali, anche la vicepresidente della Provincia, Alessandra Petreri, si schiera contro i dirigenti del partito e solidarizza "con i colleghi puniti". (fonte Ansa)
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bufera Italia dei Valori: espulso l'assessore al personale del Comune

PisaToday è in caricamento