Giovedì, 24 Giugno 2021
Politica

Festa della Liberazione, l'intervento del segretario provinciale Massimiliano Sonetti

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Il 25 aprile non è solo una ricorrenza temporale, ma un modo di pensare e di essere, antifascista, sempre. La nostra Repubblica democratica nasce da lì, dalla Costituzione generatasi dalla Resistenza, dal sangue dei nostri partigiani, dal sangue degli innocenti caduti sotto la violenza nazi-fascista. Non dimentichiamo, non dobbiamo dimenticare mai, chi è caduto e chi si è battuto per darci una nazione che si fonda sulla libertà democratica, un´Europa pacificata e unita nel nome della democrazia. La democrazia non è qualcosa di scontato, non si esprime automaticamente nel tessuto politico-istituzionale, ma è un valore che dobbiamo proteggere, valorizzare e rilanciare. E lo si fa facendo funzionare le Istituzioni democratiche, riavvicinando le persone alla politica, combattendo quei populismi che si ritrovano nei disvalori e nelle sottoculture fasciste, nazionaliste e razziste. Non dobbiamo né cedere, né prestare il fianco a queste pericolose ideologie.

Il Partito Democratico di Pisa si riconosce a pieno nei valori dell´antifascismo e della Resistenza e sarà presente con i suoi militanti e i suoi amministratori alle tante iniziative che si terranno a Pisa e provincia il 25 aprile.
Oggi più che mai dobbiamo difendere e rilanciare questi valori.
Metto di seguito un passaggio dalla lettera che il partigiano Pietro Benedetti, un ebanista romano, scrisse alla moglie prima di essere fucilato dai nazi-fascisti nell´aprile del 1944.

"Vi sono nel mondo due modi di sentire la vita. Uno come attori, l´altro come spettatori. Io, senza volerlo, mi son trovato sempre fra gli attori. Sempre fra quelli cioè che conoscono più la parola dovere che quella diritto. Non per niente costruiamo i letti perché ci dormano su gli altri. Tutta la mia educazione, fin da ragazzo, mi portava a farmi comportare cosi. Ed anche ora, di fronte allo scempio della Patria, dei nostri focolari, delle nostre famiglie, io sentivo che era da codardi restare inerti e passivi. Ma forse con ciò calpestavo i miei doveri verso la famiglia? No, perché la causa che avevo sposata altro non era che quella dei nostri figli e delle nostre famiglie. Non sappiamo cosa sarà l´avvenire che io comunque già sento più bello, più buono del triste presente, di questo terribile oltraggio all´umanità. Ma qualunque esso sia ed io dovessi essere inghiottito da questo vortice tremendo, che annienta uomini e cose, di fronte al giudizio dei miei figli, preferisco essere il padre che ha risposto all´appello del dovere, anziché il codardo che se ne sottrae".

Buona Festa della Liberazione.

Massimiliano Sonetti,
Segretario provinciale Pd Pisa

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa della Liberazione, l'intervento del segretario provinciale Massimiliano Sonetti

PisaToday è in caricamento