rotate-mobile
Politica Palaia

Fusione Peccioli-Capannoli-Palaia: sì alla fusione dalla Commissione

All’unanimità la commissione Affari istituzionali del Consiglio Regionale della Toscana, presieduta da Marco Manneschi (IdV), ha espresso orientamento favorevole sulle due proposte di legge e formulato i relativi quesiti referendari

I processi di fusione dei comuni toscani continuano. La commissione Affari istituzionali, presieduta da Marco Manneschi (IdV), ha espresso orientamento favorevole sulle proposte di legge per l’istituzione del comune della Valdera, in provincia di Pisa, e quello di Aulla Podenzana, in provincia di Massa Carrara, a partire dal 1° gennaio 2014. Sono stati quindi formulati i relativi quesiti per la consultazione referendaria.

La prima proposta di legge nasce su iniziativa dei consiglieri Pier Paolo Tognocchi ed Ivan Ferrucci (Pd), che hanno in questo modo accelerato le procedure. Tutti e tre i consigli comunali interessati si sono già espressi favorevolmente a larga maggioranza.

Come hanno spiegato i sindaci di Palaia, Capannoli e Peccioli, rispettivamente Alberto Falchi, Filippo Fatticcioni e Silvano Crecchi, la Valdera da lungo tempo ha introdotto forme di gestione associata di servizi e funzioni. Le prime convenzioni risalgono al 1997, poi sviluppate nella forma consortile nel 2004. Tutti e tre i sindaci sono a scadenza e non hanno voluto perdere l’occasione.

“C’è una punta di dispiacere per gli altri comuni che non se la sono sentita - ha commentato il consigliere Pier Paolo Tognocchi - i bilanci sono in ordine, non ci sono alla base problemi economici. L’obiettivo è di rappresentare meglio la Valdera”.  

I sindaci di Aulla, Roberto Simoncini, e di Podenzana, Riccardo Varese, hanno sottolineato la necessità di assicurare adeguata rappresentanza ad un territorio colpito dalle alluvioni, per il quale è necessario garantire anche continuità nella gestione dell’emergenza.

È stato presentato un emendamento a firma dei consiglieri Giovanni Donzelli, Paolo Marcheschi (Fratelli d’Italia) e Marina Staccioli (gruppo misto) nel quale si propone di far uscire il nuovo Comune dalla Unione dei Comuni della Valdera. Sia il consigliere Tognocchi che il consigliere Marco Spinelli (Pd) hanno rilevato la necessità di valutare l’ammissibilità dell’emendamento, valutazione che verrà effettuata direttamente dall’aula, prima dell’esame di merito.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fusione Peccioli-Capannoli-Palaia: sì alla fusione dalla Commissione

PisaToday è in caricamento